Lions Club Codogno Casalpusterlengo

Lions Club Codogno Casalpusterlengo

Anno Sociale 2018-2019


Fotografia

102° Congresso Internazionale Lions di Milano 5-9 luglio 2019

Venerdì 21 marzo presso il ristorante La Colombina di Bertonico si sono ritrovati i soci e ospiti del Lions Club Codogno Casalpusterlengo per ascoltare il relatore della serata: Massimo Conti, referente distrettuale del 102° Congresso Internazionale Lions.
Il presidente del club Umberto Cremascoli apre la serata salutando i presenti per poi lasciare la parola al relatore: “Cari amici non capiterà più di avere il Congresso Internazionale Lions a due passi da casa, la possibilità di incontrare oltre 25mila lions provenienti da tutto il mondo, è un’esperienza unica quella che negli spazi del MiCo - il vecchio polo fieristico di Milano – vedrà concentrarsi dal 5 al 9 luglio il gotha del lionismo mondiale. Tanti gli ospiti, dagli ex capi di stato (Tony Blair per citarne uno) ai premi Nobel, che interverranno su diversi tempi di interesse globale: sostenibilità, solidarietà e futuro. Un’occasione per vivere da protagonisti partecipando come volontari lions all’accoglienza degli ospiti, alla tradizionale parata di apertura nel centro città, alla presentazione dei progetti/service lions”.
Il past governatore Dino Gruppi testimonia il clima di amicizia e cooperazione che si respira in queste convention internazionali, avendo partecipato a due edizioni precedenti.
L’invito del presidente Cremascoli è dunque quello di vivere questa convention di Milano da protagonisti.

Giovanni Battista Corsico
Addetto Stampa I Circoscrizione 108ib3

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"Alfabetizzazione emotiva nell'era digitale"

Relatore: Dott. Rocco Briganti, consulente per il progetto M.I.C.I.A. dei Lions del Lodigiano, esperto in Psicologia del disagio psico-fisico - Istituto Comprensivo Don Gnocchi
Si è conclusa con una sala piena di attentissimi genitori la riuscita iniziativa “Scuola per genitori: viaggio informativo in 3 incontri per riflettere su sostanze stupefacenti e uso del digitale”, ideata dall’Istituto Comprensivo Don Gnocchi in collaborazione con il Comune di san Colombano al Lambro, l’Oratorio Don Bosco, l’Arma dei Carabinieri e i Lions Club del Lodigiano.
Nel terzo incontro dedicato appunto all’alfabetizzazione digitale, abbiamo colto l’occasione per illustrare il ruolo dei 12 Lions Club della Provincia di Lodi che hanno provveduto, con un service comune, al finanziamento del PROGETTO M.I.C.I.A. per la prevenzione della pedofilia e del cyberbullismo, attuato in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale di Lodi e l’Ufficio di Piano del Comune di Lodi. Il progetto da tre anni viene svolto nelle scuole Primaria e Secondaria di Primo e di Secondo grado, con il coinvolgimento di genitori, insegnanti e studenti, con obiettivi differenziati a seconda del target. Avviato in numerose scuole del Lodigiano, è gestito da Psicologhe del territorio formate dal Dott. Rocco Briganti della Cooperativa “Specchio Magico” di Olginate (LC).
Grazie ad una serie di video mirati, il Dott. Briganti, relatore della serata, ha catturato subito l'attenzione dei circa 100 genitori presenti, che si sono trovati, per una volta, ad occupare i banchi di scuola dei loro figli.
Si parla di alfabetizzazione emotiva in un momento storico in cui la diffusione dei social e l’utilizzo del web non sono solo appannaggio dei giovani ma vedono anche i genitori costantemente connessi e assidui utilizzatori di smartphone e tablet. Attenzione, esorta il Dott. Briganti, i bambini ci osservano, i bambini ci imitano e da questa osservazione ed imitazione traggono e fanno propri i significati delle cose del mondo. Ma per farli crescere in autostima, in capacità di riconoscere e prendere in considerazione le loro emozioni ed i loro significati e sviluppare la capacità di resilienza per affrontare situazioni difficili (dalla litigata con l’amichetto all’adescamento di un malintenzionato) occorre pre-occuparsi, cioè occuparsi prima, quando sono piccoli e possono essere abituati a sentirsi liberi di esprimere le proprie emozioni e di dare il loro significato alle cose, dando spazio ai loro racconti e ascoltandoli senza condizionarli con i nostri vissuti di adulti.
Il web è oramai il luogo dove i nostri figli vivono, sempre connessi, le loro relazioni ed emozioni e quindi si rende indubbiamente necessario informarli ed educarli ad un uso corretto di questi strumenti che possono diventare pericolosi non perché lo siano di per sé ma per come vengono usati. Alzare la testa (noi adulti e loro ragazzi) dai mezzi tecnologici ci permette di recuperare lo sguardo e il contatto visivo con la realtà vera, non quella filtrata dai “like” di un social; dare (e darsi) alcune regole sul fermarsi e disconnettersi creando alternative valide per tutta la famiglia significa recuperare tempi e spazi per loro e per noi. Come era prevedibile, la serata si è conclusa con un gran numero di domande da parte dei genitori su come poter applicare al meglio quanto emerso durante l'incontro.

Silvana Anzellotti e Clorinda Barelli

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia
Nella foto da sinistra l’assessore Maria Rapelli, il sindaco Francesco Passerini e il premiato Emilio Gnocchi

Il lions Emilio Gnocchi è Codognese Benemerito

Domenica 3 febbraio presso la Fondazione Lamberti di Codogno si è svolta la premiazione del Codognese Benemerito 2019. Il “sanbiagino” viene assegnato dal 1973 ai codognesi che hanno portato lustro alla cittadina della bassa in ambito nazionale e internazionale. Illustri benemeriti sono stati il pittore e umorista Giuseppe Novello, il luminare della medicina Giuseppe Maccacaro, solo per citarne alcuni. Quest’anno il presidente della provincia di Lodi e sindaco di Codogno Francesco Passerini ha premiato il nostro socio Emilio Gnocchi nel salone settecentesco della R.A.L. (Raccolta d’Arte Lamberti). L’assessore alla cultura Maria Rapelli ha enfatizzato il segno che Gnocchi ha lasciato nella sua città: “Non è semplice tracciare il percorso di Emilio Gnocchi, soprattutto quello in ambito extra lavorativo, è stato il fondatore oltre cinquant’anni fa della Pro Loco di Codogno, di cui è presidente onorario; dal 1973 ha raccolto il lascito Lamberti di una sessantina di opere che giacevano dimenticate e ne ha costituito - con l’amico e mentore Giuseppe Novello - il nucleo della Raccolta d’Arte Lamberti, di cui sarebbe diventato nel ’82 curatore ufficiale e lo è tuttora, continuando l’opera instancabile di arricchimento che ha portato la pinacoteca a superare le trecento opere. Nell’anno della sua presidenza del lions club Codogno Casalpusterlengo ha avviato il Premio della Bontà. Fondatore del baseball femminile codognese, collaboratore de Il Popolo Codognese dove i suoi articoli sulla montagna (socio CAI da cinquant’anni) sono attesi dai lettori della bassa, ma altri suoi pezzi sono saliti alla ribalta nazionale proprio per la visione ampia che ha sempre avuto. E’ spontaneo chiedersi come abbia fatto a seguire tutte queste attività avendo un lavoro, una famiglia… la risposta sicuramente è l’amore, quello per la propria terra e la propria città”.
Circondato da amici e autorità, visibilmente commosso, Gnocchi prende la parola: “Vi ringrazio, ringrazio le autorità, i soci lions, gli amici, la mia famiglia, soprattutto mia moglie Daniela che mi ha sempre sostenuto e aiutato. Quello che ho fatto, l’ho fatto sempre volentieri, non mi è pesato, di conseguenza non mi è sembrato rilevante, sono onorato di questo premio e - citando Novello – mi sembra una congiura della benevolenza”.
La benemerenza spesso è stata attribuita ai codognesi nell’ambito della propria attività lavorativa, vederla oggi assegnata a chi ha dedicato buona parte del proprio tempo libero al servizio non è facile, quindi auguriamoci di poter sempre congiurare benevolmente verso persone come Emilio, che ho avuto l’onore di avere come padrino lions.

Giovanni Battista Corsico

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia
Nella foto da destra il presidente Cremascoli, Franco Carelli con la figlia e Padre Dorino

Il Buono 2018 è Franco Carelli di Casalpusterlengo

Umberto Cremascoli, presidente del Lions Club Codogno Casalpusterlengo, nella serata di sabato 15 dicembre presso il ristorante La Coldana di Lodi apre la serata salutando soci e ospiti: “Stasera il nostro socio Emilio Caperdoni – deus ex machina del Premio della Bontà lions – è assente per problemi di salute, quindi tocca a me sostituirlo nel difficile ruolo. La commissione lions ha stabilito che il Premio della Bontà 2018 venga assegnato a Franco Carelli, classe 1943, di Casalpusterlengo. Franco a partire dal 1976 iniziò la suo opera di volontariato dedicando il mese di ferie estive alla missione di Padre Dorino in Ciad, dall’81 ha lavorato in Pakistan con i Padri Domenicani, poi dall’88 in Equador e quindi nel 1994 – al raggiungimento della pensione – ha potuto dedicarsi a tempo pieno al volontariato, inizialmente per l’ONG M.L.F.M. (Movimento Lotta della Fame nel Mondo) quindi dal 2016 ha ripreso la collaborazione con Padre Dorino ora in Guinea”. Il sacerdote gesuita prende la parola: “Anni fa la Compagnia del Gesù mi propose di gestire un orfanotrofio nella Guinea Conakry che l’industriale bresciano Riccardo Piccaluga – anch’egli orfano – fondò nel 1999 a Sobaret, ma che per problemi di salute non poteva più condurre. L’orfanotrofio è cresciuto e centinaia di ragazzi attendono la scuola che li possa far crescere e allontanare dalla miseria e dal fanatismo religioso fondamentalista che fa accoliti approfittando dell’ignoranza dei ragazzi. Ringrazio Franco per la sua preziosa opera di volontariato e rilancio ai lions l’opportunità di una nuova sfida per la scuola di Sobaret”. Ai festeggiamenti per Franco Carelli si aggiungono quelli per il socio Emilio Gnocchi codognese benemerito neo eletto.

Giovanni Battista Corsico

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Contro pedofilia e cyberbullismo in campo i Lions club della I Circoscrizione

Grande successo per la serata svoltasi il 18 ottobre al ristorante “Il Fondaco dei Mercanti” di Moscazzano, organizzata dai Lions club della I Circoscrizione per raccogliere fondi a favore del progetto M.I.C.I.A. (Mai Infrangere Creature Innocenti Abusandone), nato tre anni fa con l’intento di organizzare nell’ambito scolastico mirati e diversificati interventi di prevenzione riguardo a problematiche di allarmante diffusione.
La riuscita dell’evento, configurato come una simpatica gara tra i partecipanti a indovinare brani musicali proposti dal gruppo “Uva Rara”, ha testimoniato l’interesse riscosso da tale progetto, che vede i Lions club del Lodigiano operare in sinergia per il suo alto rilievo sociale.
All’esito positivo ha di certo contribuito il “Fondaco dei Mercanti”, che ha dato prova di grande sensibilità e generosità.
Il progetto M.I.C.I.A., che si avvale della collaborazione dell’Ufficio di Piano del Comune di Lodi, dell’Ufficio Scolastico Provinciale e delle istituzioni scolastiche, è articolato in tre modelli di coinvolgimento, rivolti ai bambini della scuola primaria per trattare il tema dell’abuso sessuale, ai ragazzi della scuola secondaria di 1° grado per offrire modalità di comportamento che li mettano al riparo dai pericoli derivanti dall’uso di internet e infine agli studenti della scuola secondaria di 2° grado per sensibilizzarli sul rischio del cyberbullismo nella rete.
Il tutto con l’intervento di un’équipe di psicologi esperti in tali campi, operanti in sintonia con insegnanti e genitori.
Il progetto ha riscosso notevole successo ed è stato accolto nello scorso anno scolastico in ben diciannove scuole di quindici Comuni del Lodigiano, coinvolgendo complessivamente mille duecentocinquanta tra bambini e ragazzi, duemilacinquecento genitori e centocinquanta insegnanti.
Al di là dei numeri, che pure sono fonte di soddisfazione per i Lions del territorio, ciò che maggiormente conta è l’aver attivato una valida rete di protezione a difesa di bambini e ragazzi.

M.L.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Lions Apertura della Prima Circoscrizione

L’apertura della Prima Circoscrizione Lions del distretto 108ib3 si è svolta venerdì 21 settembre presso il ristorante Le Gerette di San Colombano al Lambro. La cerimonia è iniziata con la consegna bandiera islandese del presidente internazionale ai presidenti dei club e con l’invito a suonare la campana all’unisono, come ha fatto ciascuno degli oltre quarantaseimila club lions nel mondo per sottolineare l’unità e la comunione di intenti.
La dr.ssa Elena Piovanelli, dietista e protagonista della serata, ha introdotto l’argomento della relazione dal titolo Ciak si mangia: Aliment Azione! : “La dieta ha spesso un’accezione negativa, chi è a dieta è costretto a un regime finalizzato al dimagrimento. Io preferisco pensare la dieta come ad un sistema di corretta alimentazione che porta a riequilibrare e far star meglio la persona. Per fare questo occorre rivolgersi a persone competenti in materia, le diete fai-da-te, le gluten free per i non celiaci, i consigli degli influencer sui social, non hanno basi scientifiche e quindi non vanno presi in considerazione. Anche i cibi miracolosi o super alimenti devono essere attentamente introdotti assieme ad un professionista della nutrizione, proprio per evitare scompensi e disturbi”. Molte le domande dal pubblico, “Particolare interesse hanno suscitato i disturbi alimentari” continua la dr.ssa Piovanelli “Diversi giovani sono interessati a tali disturbi, sia che si identifichino come anoressia, bulimia, BED… sono problemi che rispecchiano un disagio psicologico assolutamente da non sottovalutare: osservate i vostri ragazzi e se notate che cambiano il rapporto con il cibo, parlatene con loro, chiedete aiuto al vostro medico o pediatra che vi indirizzerà verso specialisti e associazioni qualificati”. La relatrice passa poi a qualche consiglio da mettere subito in pratica, come quello di considerare le verdure non come un semplice contorno, ma come un piatto protagonista. “I bambini vanno abituati al consumo di frutta e verdura, alimenti base per una corretta alimentazione. Anche le materie prime rivestono un ruolo importante, avere un piccolo orto, consumare alimenti di stagione, conoscere la provenienza di quello che mangiamo è fondamentale” sostiene la dr.ssa Piovanelli in chiusura di serata, concordando con il pensiero del filosofo tedesco Feuerbach “Noi siamo quello che mangiamo”.

Giovanni Battista Corsico
Addetto Stampa I Circoscrizione 108ib3

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page