Lions Club Lungo Adda Lodigiano

Lions Club Lungoadda Lodigiano

Anno Sociale 2017-2018


Fotografia

Un pomeriggio di burraco per il Consorzio Solidale

Il gioco è socialità, è unione, e anche il gioco del burraco quando è finalizzato a supportare i più deboli, non può che riscuotere successo
Domenica 22 aprile iL L.C. Lungo Adda Lodigiano, con il supporto del bar “La Piazzetta” di Casalpusterlengo, ha organizzato un torneo di burraco .
Il torneo ha visto la partecipazione di 68 persone, che si sono sfidate con sportività e divertimento per il sostegno delle famiglie che si trovano costrette a rivolgersi al Consorzio Solidale Caritas.
Alla fine un ricco buffet organizzato dai soci del Club ha portato un piacevole ristoro ai partecipanti prima della premiazione.
I migliori del torneo, sono stati premiati con delle litografie anch’esse offerte dal socio Giuseppe Gatti, conosciuto antiquario di Milano.
La collaborazione di tutti ha permesso la buona riuscita dell’evento conviviale.

Francesca Musarella
LC Lungo Adda Lodigiano

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Progetto service Istruzione domiciliare

I LLCC Lodi Host, Sant'Angelo Lodigiano, Lungoadda Lodigiano, Colli S. Colombano al Lambro e Pavese dei Longobardi hanno dato vita ad un progetto dedicato all'Istruzione domiciliare ed alla Scuola in Ospedale, di grande valenza umana e sociale, che sarà attuato e realizzato, non solo quest'anno, ma anche nei prossimi. Le ipotesi di lavoro sono state condivise fra i Lions e la prof. Laura Fiorini, Dirigente scolastica della scuola polo Lombardia, L'Associazione Libro Parlato Lions ed il CEM (Centro Educazione ai Media di Pavia). Quest'ultimo, in particolare, ne ha studiato a fondo la fattibilità e svilupperà questo progetto, a livello sperimentale, con gli alunni della Regione Lombardia della Scuola Secondaria di I Grado, da estendersi, in futuro, alla Scuola Secondaria di 2 Grado e relativi docenti.
Il progetto, curato da Cesare Senzalari (LC Lodi Host), Simona Malattia (LC Sant'Angelo Lodigiano) e Gian Carlo Arbasini (LC Pavese dei Longobardi), è stato ufficialmente presentato in un incontro l'8 febbraio presso il ristorante La Quinta Sesmones di Cornegliano Laudense.
La prof. Laura Fiorini ha illustrato, in termini di grande concretezza, la validità della Scuola in Ospedale e dell'Istruzione Domiciliare.
La prof. Alexandra Berndt, Presidente CEM, ha auspicato la creazione di una piattaforma didattica digitale a supporto dell'insegnamento e dell'apprendimento in Istruzione Domicliare.
Il dott. Alfredo Codecasa, Segretario del Libro Parlato Lions, ha evidenziato il ruolo ed il coinvolgimento di questa Associazione nel progetto.
Le finalità di quest'iniziativa, molto ricca ed articolata, sono queste: elaborare piani di apprendimento per tutte le discipline, in modo da assicurare saperi minimi imprescindibili; progettare ed organizzare una “mini-biblioteca” multimediale di materiale didattico, facilmente consultabile e reperibile; documentare e diffondere il progetto attraverso una fitta rete di comunicazione; fornire agli insegnanti un adeguato piano di formazione di base per poter utilizzare al meglio il materiale a disposizione.
In tutto il progetto diventa fondamentale il coinvolgimento del Libro parlato Lions, realtà lionistica che da anni si attiva e opera sul territorio nazionale. L’abbinamento potrà avere il duplice scopo di avvalersi di una struttura lions già operativa alla quale abbinare il nuovo progetto e nello stesso tempo essere un nuovo stimolo per il Libro parlato stesso.
Questo progetto, completo ed esauriente, che vuole essere di valido supporto agli alunni che si trovano in difficoltà oggettiva per motivi di salute, rappresenta un punto focale di riferimento per le realtà coinvolte: ancora una volta i Lions hanno dimostrato che, con il know-how e la collaborazione fra Associazione ed Istituzioni, si possono compiere molti passi avanti nel percorso umano e civile.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Gli auguri di Mons. Malvestiti "A Natale sono di casa la cultura e la solidarietà"

Il rappresentati dei club lions della I circoscrizione 108ib3 - guidati dal Governatore Giovanni Bellinzoni - si sono dati appuntamento il 22 dicembre presso il palazzo vescovile di Lodi per i tradizionali auguri al Vescovo. Monsignor Malvesititi ha accolto il dono dei club ed ha espresso il suo invito: “A Natale sono di casa la cultura e la solidarietà. Sono finalità vostre che incontrano le attenzioni della comunità ecclesiale, la quale ricorda che solo se hanno radicazione spirituale, rimangono nel tempo. Toccate dalla fede addirittura per sempre”. Mons. Malvestiti ha donato ai club la lettera pastorale Nello Spirito del Risorto misericordiosi come il Padre in memoria di Me per il mondo il cui titolo evoca il cuore del Vangelo e che riporta in copertina l’immagine di Santa Francesca Saverio Cabrini che “donna di cultura e solidarietà” si spense a Chicago nel 1917. Nella stessa città, nello stesso anno nascono i lions, la solidarietà è un seme fecondo che attecchisce immediatamente, è un testimone che non viene mai lasciato cadere.

Giovanni Battista Corsico
Addetto Stampa

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia
Presentazione Progetto Micia

Incontro interessantissimo, volto ad illustrare il Progetto MICIA (Mai Infrangere Creature Innocenti Abusandone), quello vissuto dai Lions Club Lodi Host, Lodi Europea, Ager Laudensis, Lodi Torrione, Lodi Quadrifoglio, Leo Lodi Barbarossa, Codogno Casalpusterlengo, Colli S. Colombano al Lambro, Sant'Angelo Lodigiano e Lungoadda Lodigiano, che hanno organizzato una cena per raccolta fondi da destinare, in parte, per finanziare le attività nelle scuole del lodigiano. Il progetto, nato in collaborazione anche con l'Ufficio Scolastico di Lodi, l'Ufficio di Piano del Comune di Lodi e la Cooperativa “Lo specchio magico”, è stato creato per ricordare Mariaemilia, una grande Lions che ci ha lasciato, ma che ha sempre condiviso l'impegno di aiutare e prevenire. Alla serata hanno partecipato il Governatore Giovanni Bellinzoni, la Coordinatrice del Comitato Abuso sui Minori, PDG Laura De Mattè Premoli ed il referente dello stesso Comitato e del Progetto Cesare Senzalari, oltre a due PDG, a Presidenti, Officers e numerosissimi Soci. Relatore della serata è stato il dott. Rocco Briganti, laureato in Filosofia, con un curriculum nutrito di Master e Qualifiche in Psicologia del disagio psico-fisico, Presidente-Direttore Generale della Cooperativa Sociale Onlus “Specchio Magico” e Coordinatore del Progetto Porcospini-Bambini e genitori insieme contro l'abuso sessuale, che prevede il coinvolgimento di oltre 16000 bambini e famiglie, comunità locali, network territoriali, scuole ed associazioni. Il progetto ha ottenuto numerosi finanziamenti, tra cui quello della Regione Lombardia. “MICIA”, nato tre anni fa, con la preziosa collaborazione del relatore, vuole essere propulsore di prevenzione primaria contro l'abuso sui minori. E' rivolto alle scuole, dell'obbligo e superiori e prevede, in base alle loro richieste, iniziative che vedono coinvolti, in una cooperazione sinergica, educatori, insegnanti e genitori. Come ha sottolineato il dott. Briganti, gli interventi di prevenzione primaria nell'ambito scolastico, basati su strategie preventive e pratiche, atte a riconoscere pericolose situazioni di disagio, sono mirati all'individuazione di problemi delicati e spesso latenti ed alla ricerca di soluzioni adeguate in base alle difficoltà ed ai dubbi degli alunni, mediante piani strategici fondati su incontri, attività e laboratori. Nel Progetto, la Cooperativa “Lo Specchio Magico” ha un ruolo fondamentale di informazione (in collaborazione con i Lions aderenti all'iniziativa e con gli altri enti coinvolti), di formazione delle persone che porteranno avanti il progetto, di affiancamento ed assistenza (sia con personale a sostegno degli educatori locali, sia con la collaborazione dei genitori).
La serata, ottimamente riuscita per l'attualità delle problematiche trattate, ha offerto numerosi spunti di discussione e di interazione fra relatore e pubblico presente.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia
Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Nella foto: il dr. Narducci

Apertura 1^ Circoscrizione Distretto 108 Ib3 sul tema di studio nazionale

La Prima Circoscrizione apre l’anno con una domanda: perché vaccinarsi?
L’apertura della Prima Circoscrizione si è svolta venerdì 22 settembre a Sant’Angelo Lodigiano nella bella cornice del castello Morando Bolognini. Ben rappresentati i club e le autorità lionistiche con il governatore distrettuale Giovanni Bellinzoni. Il tema della serata “Diffondere la cultura scientifica su vaccinazioni e autismo contrastando la disinformazione”, relatore il dr. Mario Narducci, medico pediatra e fondatore dell’Associazione Culturale Pediatri Milano, esordisce: “Rinunciare alle vaccinazioni è combattere senza l’armatura” continua spiegando come le statistiche registrate da fine Ottocento ai giorni nostri parlino chiaro. “Il miglioramento delle condizioni igieniche, dell’alimentazione, ma soprattutto l’introduzione di una vaccinazione su grande scala ha portato a debellare malattie quali il vaiolo, mentre per altre – quali il morbillo – puntiamo a mettere la parola fine con l’aiuto dei progetti internazionali dei lions. La storia recente ci insegna che, dove si sono ridotte le coperture a livello di vaccinazioni, lì si sono innescate nuove epidemie. Le teorie del medico britannico Andrew Wakefield sulla connessione tra vaccinazioni e autismo – pubblicate nel 1998 ma smontate a livello processuale solo alcuni anni dopo e che hanno portato alla radiazione del medico – hanno consentito al popolo dei No Vacs di raccogliere sostenitori e creare disinformazione. L’effetto è stato quello di una progressiva e preoccupante diminuzione delle vaccinazioni. Quest’anno in Italia l’intervento del Ministro della Salute ha cercato di raddrizzare questo andamento, infatti smettere di vaccinarci ci esporrebbe al rischio di nuove epidemie”. Il medico, dopo il vivace dibattito innescato dalla sua presentazione, chiude: “Anche vaccinarsi in età avanzata è importante poiché riporta ad uno stadio base il sistema immunitario, rendendolo più sensibile agli antibiotici”.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page>