Lions Clubs Logo
Distretto 108 Ib3 - Italy
We Serve


Lions Club Pavia Regisole
Lions Club Pavia Regisole

Visitate il sito del Club Visitate il sito del club



Notizie dal Club

Incontro con il Prefetto Attilio Visconti

Logo Lions Club Martedì 14 Novembre u.s., presso il Tennis Club Pavia, sono stati trattati i temi: sicurezza, tutela dell’ambiente , rispetto e decoro della città, nel corso di un lungo incontro – conversazione fra il Prefetto di Pavia, avv. Attilio Visconti, che da poco tempo ha assunto il ruolo di rappresentante del Governo nella nostra provincia, ed i soci del Lions Club Pavia Regisole.
Sostanzialmente il Prefetto, accogliendo l’invito dell'arch. Massimo Corsico, presidente del Club, all’interno del quale vi è una articolata rappresentanza dell’economia e della società pavese, ha voluto cogliere in una occasione di incontro informale l’opportunità di ascoltare il pensiero dei cittadini e conoscere opinioni sui temi di maggior interesse per la collettività pavese. Nel contempo i soci del club sono venuti a conoscenza degli interventi avviati dalla Prefettura.
Il primo argomento affrontato, in seguito all’incendio del deposito di Mortara,dove erano accumulati prodotti di scarto per il riciclo, è stato quello della sicurezza ambientale. Un docente di chimica ha richiamato l’attenzione sul fatto che servirebbero maggiori controlli nelle diverse aree di stoccaggio esistenti in provincia, sottolineando che, da parte delle strutture deputate a questa fondamentale funzione, viene denunciata carenza di personale e quindi difficoltà operativa. Da parte del Prefetto è stata confermata la massima attenzione e quindi non solo contatti con organi regionali competenti, ma anche il concreto avvio, per supplire alle carenze operative , di una vera e propria task force fra tutti gli enti operanti nel settore al fine di una gestione comune del personale destinato ai controlli.
Altro tema toccato quello della sicurezza nelle aree urbane e, su indicazione di un autorevole rappresentante del mondo agricolo, quello gravissimo della sicurezza nelle campagne, con danni rilevanti per aziende agricole e paura diffusa fra gli agricoltori. A questo riguardo il Prefetto ha risposto annunciando che vi sarà la presenza di un maggior numero di forze dell’ordine , stimolando anche un opportuno coordinamento fra le stesse. Ha pure aggiunto che i cittadini, a loro volta, dovrebbero mettere in atto tutti gli strumenti possibili di difesa passiva contro i furti.
Ovviamente si è parlato anche, nel caso specifico di Pavia, della movida e dei correttivi possibili per un fenomeno che, depurato dalla maleducazione, non è giudicato negativo. Più in generale per la sicurezza ed il decoro della città il Prefetto ha annunciato che sarà fatta una dettagliata indagine per verificare quali sono le aree, oltre a quelle note della Alea e delle stazioni ferroviaria e dei pullmans ,sulle quali focalizzare l’attenzione per scoraggiare attività illecite e debellare l’accattonaggio.

Giuseppe Rossetti


Fotografia
Nella foto: un momento dell’inaugurazione della passerella pedonale all’ufficio informazione turistica del Broletto

Inaugurata la passerella pedonale per supererare le barriere architettoniche allo IAT del Comune di Pavia presso il Broletto, realizzata con il contributo dei Lions

Logo Lions Club E’ stata inaugurata la passerella pedonale per il superamento delle barriere architettoniche per l’accesso all’ufficio informazione turistica del palazzo del Broletto. Il progetto è frutto di una sinergia tra i Lions Club della II Circoscrizione del distretto 108 Ib3, l’Università e il Comune di Pavia.
All’inaugurazione sono intervenuti il Governatore del Distretto Giovanni Bellinzoni, il Past President di zona Pierluigi Nascimbene, l’assessore Angelo Gualandi, l’assessore Giacomo Galazzo, il professore di architettura tecnica dell’Università Alessandro Greco e il progettista Ing. Gianluca Pietra, presidente dei Lions della Zona A.
La passerella, realizzata con il benestare della Soprintendenza ai Beni Culturali e della Commissione per il Paesaggio del Comune di Pavia, è lunga 9 metri e larga 130 cm ed è collocata nella porzione iniziale di Via del Comune, vicino alla parete esterna del Palazzo del Broletto. L’opera è stata realizzata con acciaio, acciaio cortén e calcestruzzo.
I Lions che hanno contribuito a realizzare l’intervento a propria cura e spese e hanno ceduto al Comune di Pavia la passerella sono Pavia Host, Pavese dei Longobardi, Pavia Le Torri, Certosa di Pavia, Ticinum via Francigena, Pavia Ultrapadum New Century e il Leo Club Pavia.
Lo IAT non era accessibile da persone disabili con impedita capacità motoria. I Lions, con il loro intervento, hanno eliminato questa barriera, realizzando un progetto nato nel Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, sotto la guida del professor Alessandro Greco, docente Associato di Architettura Tecnica e dell’ing. Valentina Giacometti, dottore di ricerca in Architettura Tecnica, esperta ricercatrice in materia di barriere architettoniche.
Il prof. Greco studia dal 2006 le tematiche connesse all’accessibilità e alla fruibilità degli spazi urbani e degli edifici, soprattutto quelli di elevato valore storico e architettonico come il palazzo del Broletto, con una intensa attività di progettazione per migliorare l’accessibilità e la fruibilità della città di Pavia e di alcuni edifici storici dell’Università (il Palazzo Centrale dell’Università di Pavia, il Polo Cravino, il Museo della Tecnica Elettrica).
“Realizzare questa passerella pedonale al Broletto - ha detto Gianluca Pietra, presidente dei Lions di zona A, prima Circoscrizione - è un orgoglio per i Lions che lo hanno donato alla città di Pavia. I Lions rendono così esecutivo un progetto che nasce come prodotto della ricerca dell’Università in materia di disabilità e superamento delle barriere architettoniche, mettendo al servizio della comunità le proprie professionalità, realizzando un’opera di interesse e fruizione collettiva”.
“I Lions così partecipano attivamente - ha aggiunto Gianluca Pietra - al bene civico, culturale, sociale e morale della comunità, dimostrando con l'eccellenza delle opere e la solerzia del lavoro la serietà della vocazione al servizio. L’Università concretizza la propria ricerca con opere presenti sul territorio”.

Fotografia



Tornate alla Home Page
Tornate all'Home Page