Lions Club Stradella Broni Host

Lions Club Stradella Broni Host

Anno Sociale 2018-2019


Fotografia

II Circoscrizione Zona C, intermeeting di formazione

Presso la stupenda cornice dell’Enoteca Regionale di Cassino Po, Broni si è svolta una serata di formazione ed informazione organizzata dal presidente della II Circoscrizione Zona C, Angelo Gallinari, con la partecipazione dei relativi Lions e Leo Club. La serata ha avuto come tema “Essere Lions: ieri, oggi e domani” con i seguenti relatori: PDG Emerito Rinaldo Brambilla, PDG Franco Rasi, Lions Ettore Cantù, Lions Fausto Casarin, Lions Massimo Conti, Lions Davide Gatti, Lions Moreno Poggioli, PD Leo Giovanna Iudica, IPPD Leo Martina Fariseo e PPD Leo Clara Gallinari.
La partecipazione dei soci è stata ottima, con circa 65 presenze distribuite tra i Club della zona: i Lions Club Stradella-Broni Host, Casteggio Oltrepò Pavese, Stradella-Broni Montalino, Montù Beccaria “Le Vigne” e il Leo Club Stradella-Broni, oltre che la presenza di alcuni lions delle zone circostanti.
Il PDG Emerito Brambilla e il Lions Cantù hanno trattato il tema del lionismo di ieri, coinvolgendo la platea con rigorose ricostruzioni e gustosi aneddoti descriventi la storia del lionismo nel nostro distretto, dalla sue origini di Distrettone I, al Distretto Ib fino alla sua attuale composizione con i quattro distretti.
Il PDG Rasi, ed i Lions Casarin, Poggioli e Gatti, nella loro qualità di componenti del GAT distrettuale hanno descritto una panoramica del lionismo attuale; i valori, l’etica, la composizione, la crescita, la LCIF con le sue possibilità di intervento ed infine quale anello di congiunzione verso il tema del lionismo del futuro, una revisione del lionismo attuale tramite l’utilizzo delle competenze e intelligenza rivolte a supportare un nuovo umanesimo per l’aiuto nel sociale.
In attesa di conoscere il futuro del lionismo, il Lions Conti ci ha relazionato circa un futuro più prossimo, un evento di portata storica per il lionismo italiano: la Convention Internazionale di Milano 2019.
Infine, le Leo Iudica, Fariseo e Gallinari ci hanno emozionato con il racconto delle attività svolte dal Distretto Leo; dell’entusiasmo, dell’energia e dell’impegno profusi, ricompensati dai successi ottenuti sia nei service portati a termine, che nei riconoscimenti internazionali. Non hanno dovuto parlare del futuro del lionismo perché tramite le loro parole si è capito che loro sono il futuro del lionismo. E sarà un gran bel futuro.

Andrea Brondoni
Segretario Lions Club Stradella Broni Host

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia
Nella foto: Angelo Gallinari durante la presentazione del libro

I Lions e i Leo della II° circoscrizione zona C per la Basilica di San Michele

Sabato 15 settembre, presso la Basilica di San Michele Maggiore a Pavia, si è tenuta una serata sponsorizzata dai 4 Lions Clubs e dal Leo club della II° circoscrizione zona C per contribuire alla raccolta dei fondi necessari per i lavori di restauro della chiesa stessa.
Dopo una breve introduzione da parte di Don Giulio Lunati che ha espresso parole di benvenuto e di ringraziamento, la serata è proseguita con la presentazione del libro del socio Lion Angelo Gallinari dal titolo “ La mia Francigena: allenamento del fisico e dell’anima”.
Durante la relazione, l’autore ha raccontato questa esperienza di pellegrino che, in bicicletta, in solitaria, lungo la via Francigena, parte da Pavia e arriva a Roma alla tomba di San Pietro.
Oltre alla descrizione della preparazione fisica che ha richiesto un lungo allenamento si è parlato in maniera particolareggiata del percorso ricco di storia. Si sono raccontati aneddoti, curiosità e leggende dimostrando quanta bellezza la nostra Italia ha da offrire.
Questo pellegrinaggio ha coinvolto molto anche lo spirito di chi l’ha percorso. Nell’avvicinarsi alla meta il pellegrino trova se stesso e la sua parte più intima e profonda. L’arrivo a Monte Mario e la veduta dall’alto di Roma è stata una emozione indescrivibile.
I Lions e i Leo della II° circoscrizione zona C hanno partecipato numerosi alla serata dimostrano grande attenzione e vicinanza verso un monumento così importante per la storia della città di Pavia.

Clara Gallinari
Leo Club Stradella Broni

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Il Lions Club Stradella Broni Host presente al Vinuva

Domenica 2 settembre, a Stradella, il Lions Club Stradella Broni Host in concomitanza del “Festival del vino e dell’uva” ha realizzato, grazie alla disponibilità e competenza storica del socio fondatore Ettore Cantù, un evento che ha avuto lo scopo di far conoscere la storia dei palazzi situati nel centro storico della cittadina.
Presso la sala della cultura del Municipio, alla presenza del Sindaco Piergiorgio Maggi, Ettore Cantù ha tenuto una relazione dal titolo “I palazzi storici di Stradella …..presenti e perduti……”. Alla relazione è seguita una visita guidata attraverso le vie centrali.
Grande successo di presenze anche se, per ragioni logistiche, l’organizzazione è stata costretta a stabilire un numero chiuso e quindi numerose richieste sono state escluse dalla manifestazione.
Ettore Cantù è riuscito a mantenere viva l’attenzione dei presenti snocciolando date, eventi, curiosità storiche e aneddoti legati a questa parte dell’Oltrepò.
A palazzo Arnaboldi, oggi sede del comune, dopo aver visitato le belle sale affrescate, ci si è soffermati in cortile dove è una lapide che ricorda la data dell’ 11 ottobre 1875 anno in cui Agostino Depretis espose il suo programma politico prima di diventare capo del governo.
Dall’altra parte del giardino oltre la strada si trova palazzo Locatelli che ospitò Napoleone Bonaparte nel 1800 giunto qui per combattere contro gli Austriaci e affrontare la battaglia di Montebello.
Molto interessante anche la storia della Torre Civica, simbolo della città. La parte più antica è ciò che rimane della Rocca Inferiore fatta edificare nel XIV° secolo da Gian Galeazzo Visconti a scopo di difesa militare. Nel XIX secolo, dopo il crollo del campanile della chiesa, la torre venne sormontata dalla cella campanaria per poter così ospitare le campane. Ettore sottolinea l’importanza della Torre per gli stradellini in quanto rappresenta una felice congiunzione tra potere civile e potere religioso.
Queste sono solo alcune delle curiosità che Ettore ci ha raccontato. Abbiamo apprezzato la profonda conoscenza della materia e la passione con cui la racconta.
Ettore, che ama definirsi “ storico locale” è una grande risorsa per tutto quello che può trasmettere alle nuove generazioni.

Angelo Gallinari

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page