Lions Club Voghera La Collegiata
Lions Club Voghera La Collegiata

Visitate il sito del Club Visitate il sito del club



Notizie dal Club

Fotografia
Nella foto: da sinistra il Governatore Lions Giovanni Bellinzoni; Paola Lorenzi, Presidente L.C. Voghera La Collegiata; Massimo Polidoro; Andrea Angeleri, Presidente L.C. Voghera Host

In cerca di misteri… con la lente della Scienza: Incontro con Massimo Polidoro

Logo Lions Club Venerdì 1 Giugno, presso il Golf Club di Salice Terme, i Lions Clubs Voghera Host e Voghera La Collegiata hanno organizzato con successo un incontro che ha avuto come relatore d’eccezione il Dott. Massimo Polidoro, di origine vogherese, giornalista, scrittore, divulgatore scientifico, segretario nazionale CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze). E’ considerato uno dei maggiori esperti internazionali nel campo delle pseudo-scienze, del mistero e della psicologia dell’insolito, infatti conduce indagini, ricerche, sperimentazioni su fenomeni paranormali o comunque straordinari e, come un “vero” Sherlock Holmes, si avvicina al mistero con mente aperta per raccogliere ogni dettaglio e particolare possibile. Di indole curiosa e affascinato dalla magia e dall’illusionismo, fin da bambino aveva due aspirazioni: scrivere storie del mistero e diventare come il celebre Houdini e grazie a una borsa di studio devoluta da Piero Angela ha coronato il suo sogno di diventare un “investigatore dell’occulto”. Trasferitosi negli Stati Uniti, è stato per oltre un anno l’apprendista del famoso illusionista e indagatore di misteri James Randi, da cui ha appreso le tecniche per spiegare i presunti fenomeni paranormali e molti trucchi per riuscire a smascherare i sedicenti maghi. Tornato in Italia, si è laureato in psicologia all’Università di Padova, specializzandosi poi in quella che lui stesso ha chiamato “psicologia dell’inganno”, e ha contribuito alla fondazione del CICAP insieme allo stesso Angela e a studiosi quali Umberto Eco, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini e Umberto Veronesi.
Attualmente, oltre ad essere autore di una cinquantina di libri, ha iniziato a scrivere anche romanzi per ragazzi e continua la sua attività di divulgazione sia con il CICAP sia tenendo conferenze in tutto il mondo, mantenendo attiva la sua presenza sul web e partecipando a programmi televisivi sia come autore, conduttore ed esperto, infatti sarà nuovamente ospite fisso a Superquark.
Definito da Umberto Eco “un vero segugio”, Massimo Polidoro si cala nei recessi dei grandi enigmi e, spiegandoli, li rende ancora più interessanti, perché mette in risalto il mistero più affascinante di tutti: l’attrazione dell’uomo per il lato oscuro della realtà.

Evelina Fabiani


Fotografia
Nella foto: da sinistra Andrea Angeleri, Presidente L.C. Voghera Host, premiato con il leone d’argento come 1°Lions golfista dalla Presidente del L.C. Voghera La Collegiata, Paola Lorenzi

9° Torneo di Golf benefico L.C. Voghera La Collegiata

Logo Lions Club Sport e beneficenza è stato il binomio che ha dato vita, sabato 19 Maggio u.s., presso il Golf Club di Salice Terme, al 9° Trofeo di golf Lions Club Voghera La Collegiata, patrocinato dall’Unione Italiana Lions Golfisti, gara 18 buche Louisiana e gara 9 buche Stableford.
Come da spirito Lions, il ricavato della manifestazione è stato devoluto alla Casa Fraterna di Voghera, struttura caritativa che, grazie alla preziosa opera dei volontari, si dedica ad accogliere e sostenere persone in difficoltà, che qui trovano un luogo dove avere un pasto caldo, un cambio di indumenti, fare una doccia e socializzare; le persone che vengono assistite sono in continuo aumento, perché l’attuale crisi economica penalizza le classi sociali più deboli.
Tra i motivi che hanno spinto i numerosi giocatori a partecipare va sicuramente evidenziata, oltre all’opportunità di aiutare chi si trova in stato di disagio, anche la possibilità di trascorrere una giornata di sport, di divertimento e di amicizia; conoscere persone e divertirsi con la consapevolezza di fare qualcosa di giusto, dove non serve essere campioni, ma è sufficiente avere entusiasmo e spirito di solidarietà.
Ai premiati delle due competizioni, oltre ai calorosi applausi, sono stati assegnati ricchi premi; in particolare, al Presidente del L.C. Voghera Host, Andrea Angeleri, è stato consegnato il Leone d’argento, premio speciale previsto per il 1° Lions golfista classificato.
Manifestazione ben riuscita per il buon livello delle prove e per l’immagine che il L.C. Voghera La Collegiata, presieduto da Paola Lorenzi, ha saputo offrire all’esterno.
Un grande ringraziamento va a tutti i golfisti che hanno decretato il successo del Torneo con la loro sportiva partecipazione ed agli sponsors, che hanno contribuito con generosità.

E.F.


Fotografia
Nella foto: da sinistra la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Via Marsala”, Maria Teresa Lopez; la Presidente della Consulta per i Problemi Sociali, Costantina Marzano; la Presidente della Croce Rossa di Voghera, Ondina Torti; la relatrice, Bruna Meloni; la Presidente del Lions Club Voghera La Collegiata, Paola Lorenzi e l’Assessore alla Famiglia ed alle Politiche Sociali, Simona Virgilio

"Il volontariato visto con gli occhi ed il cuore di una donna"

Logo Lions Club "Il volontariato visto con gli occhi ed il cuore di una donna" è stato il tema dell’incontro, organizzato dal Lions Club Voghera La Collegiata, presieduto da Paola Lorenzi, giovedì 15 Marzo u.s., presso il Golf Club di Salice Terme; argomento che ben si sposa con la nostra Mission e con le finalità del Dipartimento “Progetto Donna Cultura”, che considera e sostiene la presenza femminile in tutte le sfere della società; ne individua e sviluppa le possibili posizioni di leadership.
A questa serata all’insegna della solidarietà, il cui ricavato è stato devoluto ad A.V.O. , hanno partecipato ed hanno portato la loro testimonianza i massimi esponenti del volontariato vogherese: l’Assessore alla Famiglia ed alle Politiche Sociali, Simona Virgilio; la Presidente della Consulta per i Problemi Sociali, Costantina Marzano; la Presidente della Croce Rossa di Voghera, Ondina Torti e la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Via Marsala”, Maria Teresa Lopez.
Relatrice Bruna Meloni, Vice Presidente Nazionale e Presidente Regionale A.V.O. (Associazione Volontari Ospedalieri) una delle più importanti e riconosciute realtà nel settore del volontariato socio-sanitario. Fondata nel 1975 dall'esigenza percepita da un medico del Niguarda – il Prof. Erminio Longhini, di “umanizzare” la vita dei pazienti negli istituti di cura e di riposo, con i suoi volontari è da sempre accanto all’ammalato e all’anziano, accogliendo i bisogni di ascolto e compiendo tutti quei gesti che un autentico sentimento d’aiuto verso il prossimo consente.
Oggi l’Associazione è estesa sull’intero territorio nazionale ed è presente in tutte le più importanti strutture ospedaliere, con 217 sedi e con un totale di circa 25.500 volontari di cui 20.600 donne e 4800 uomini, dato in controtendenza rispetto alla media nazionale che vede, invece, una prevalenza maschile; questa disparità è dovuta essenzialmente al settore specifico in cui si opera.
Dopo questa presentazione generale, Bruna Meloni, donna, da sempre in prima linea nell’impegno sociale, ha raccontato, con emozione, il suo percorso che è partito da Archè (assistenza ai bambini sieropositivi) ed è approdato ad A.V.O. di cui fa parte da circa 17 anni e che considera un’esperienza unica tanto da poterla definire una sorta di “dipendenza” e nei brevi periodi in cui non ha potuto effettuare il suo servizio ne ha sentito una vera e propria mancanza, perché, come ha detto: “in verità si riceve piu’ di quanto non si riesca a dare.”
Chi sceglie di dedicarsi all’altro all’interno di un’Associazione è ben consapevole che una presenza disinteressata, amica, capace di ascoltare e di stare accanto può diventare una speranza, una condivisione di solidarietà e addirittura un momento terapeutico.

E.F.


Fotografia
Nella foto: da sinistra Paola Lorenzi, Presidente Lions Club Voghera La Collegiata; Mariella Guarnaschelli, Presidente di Zona Lions;
Ondina Torti, Presidente della Croce Rossa di Voghera

Torneo di Burraco benefico

Logo Lions Club Domenica 18 Febbraio u.s., presso il Circolo “Il Ritrovo”, il Lions Club Voghera La Collegiata, presieduto da Paola Lorenzi, ha organizzato un Torneo di Burraco, finalizzato ad una raccolta fondi destinata alla Croce Rossa vogherese, istituzione da sempre al servizio della collettività, che, grazie all’impegno encomiabile dei volontari, opera sul nostro territorio.
Prima di dare inizio alla gara, la Presidente della C.R.I., Ondina Torti, ha voluto ringraziare i Lions ed i giovani Leo per la generosità sempre dimostrata nel corso di questi anni ed ha auspicato di poter continuare questa fattiva collaborazione; a tal proposito va sottolineato che i principi fondamentali del Movimento Internazionale di Croce Rossa: UMANITA’, IMPARZIALITA’, NEUTRALITA’, INDIPENDENZA, VOLONTARIATO, UNITA’ E UNIVERSALITA’, corrispondono in maniera quasi perfetta alla visione, alla missione ed agli scopi del Lions Club International.
Si è dato, quindi, inizio alle partite ed i giocatori hanno dato vita ad una maratona con le carte, applicando le loro strategie sotto lo sguardo attento del giudice di gara. Alla fine, sono risultati vincitori: 1°coppia classificata del Girone A: Silvana Digiglio e Marina D’Andrea; 2°coppia classificata Girone A: Francesco Ferrari e Teresa Rodella; 1°coppia classificata Girone B: Maria Carla De Benedetti e Assunta Schiavi; 1°coppia classificata Girone C: Elena Boschetti e Giancarlo Chiesa; i premi sono stati assegnati dalla Presidente del Lions Club Voghera “La Collegiata”, che ha ringraziato calorosamente i numerosi partecipanti per l’adesione a questa lodevole iniziativa benefica.

E.F.


Fotografia

Visita alla Fondazione Prada di Milano

Logo Lions Club Nell’ambito di un percorso di cultura e di conoscenza, lunedì 26 Febbraio u.s. il Lions Club Voghera la Collegiata, presieduto da Paola Lorenzi, ha organizzato, grazie al Comitato Viaggi guidato da Raffaella Fiori, una visita alla Fondazione Prada di Milano, creata da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, in occasione della mostra “Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918–1943”, concepita e curata da Germano Celant, che esplora il sistema dell’arte e della cultura in Italia tra le due guerre mondiali, partendo dalla ricerca e dallo studio di documenti e fotografie storiche che rivelano il contesto sociale e politico in cui le opere d’arte sono state create, vissute e interpretate dal pubblico dell’epoca.
L’allestimento, realizzato in collaborazione con archivi, musei, biblioteche e raccolte private, ha portato alla selezione di oltre 600 lavori, tra dipinti, sculture, disegni, fotografie, manifesti, arredi, progetti architettonici, realizzati da più di 100 autori. Queste opere sono introdotte da immagini storiche, pubblicazioni originali, lettere, riviste, rassegne stampa e foto personali per un totale di 800 documenti, “messi in scena” in una situazione monocroma, generalmente su una superficie bianca, per riproporli nel loro spazio storico.
L’intero percorso di visita si presenta come un viaggio ritmato da 24 ricostruzioni parziali di ambienti pubblici e privati in cui vengono ri-collocate le opere di artisti come Giacomo Balla, Carlo Carrà, Felice Casorati, Giorgio de Chirico, Fortunato Depero, Filippo de Pisis, Arturo Martini, Fausto Melotti, Giorgio Morandi, Scipione, Gino Severini, Mario Sironi, Arturo Tosi e Adolfo Wildt. L’attenzione al contesto sociale avviene anche attraverso spettacolari immagini e cinegiornali trasmessi tra il 1929 ed il 1941, dedicati a figure di politici, intellettuali, scrittori e pensatori che contribuiscono a restituire il clima di forte radicalizzazione delle idee, che caratterizza quel periodo storico e documentano le fasi di allestimento e i momenti di inaugurazione di alcuni tra i principali eventi espositivi e culturali dell’epoca.
La visita è poi proseguita in Galleria Vittorio Emanuele II, dove ha sede l’Osservatorio della Fondazione, spazio dedicato alla fotografia contemporanea e ai linguaggi visivi. Attualmente ospita la mostra “Questioning Pictures” di Stefano Graziani, curata da Francesco Zanot, che include opere fotografiche intese come strumento di narrazione, catalogazione e reinterpretazione.
Giornata di arricchimento culturale, incentrata sull’approfondimento, attraverso un’ampia documentazione, di un periodo cruciale della storia d’Italia, ma, allo stesso tempo finalizzata al reperimento fondi a favore delle Campagne Sanitarie Mondiali del Lions Club International.

E.F.


Fotografia
Nella foto: Gli alunni premiati insieme alla Dirigente Scolastica, Dott.ssa Maria Teresa Lopez, alle insegnanti ed ai rappresentanti del Lions Club

Premiazione Concorso "Un Poster per la Pace"

Logo Lions Club Il 9 Febbraio u.s. presso la Biblioteca Comunale di Voghera, luogo di cultura, cultura che, da sempre, favorisce il dialogo tra i popoli, si è svolta la premiazione degli alunni che hanno partecipato al Concorso “Un Poster per la Pace” dal tema “Il futuro della Pace”.
I ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Via Marsala di Voghera, accompagnati dalle loro insegnanti, hanno illustrato con la freschezza e la creatività dei loro variopinti disegni un tema importante che deve sensibilizzare le nostre coscienze in un momento in cui è così difficile ispirare lo spirito di comprensione tra gli uomini.
L’argomento è stato introdotto dalla Presidente del Lions Club Voghera la Collegiata, sponsor della manifestazione, Paola Lorenzi, che ha anche presentato ed illustrato gli scopi ed i principali services del Lions Club, soffermandosi anche sui programmi per i giovani (Leo Club e Scambi Giovanili); la parola è poi passata al Past Governatore Lions Roberto Settimi, che ha messo in evidenza il valore internazionale di questo concorso, proiettando un video per illustrare, attraverso la creatività degli alunni di tutto il mondo, questo importante messaggio globale. La Referente per la 2° Circoscrizione, Maria Pasqua Angius, oltre a complimentarsi con tutti gli alunni, ha auspicato che, tramite l’insegnamento, che tutti gli anni viene trasmesso con “Un Poster per la Pace” i giovani, che sono la speranza futura, riescano a trovare la forza di costruire un mondo migliore.
Si è, poi, passati alla premiazione dei vincitori: 1°classificato è risultata Marta Lavagnino(classe 2°A- sede Casei Gerola) preparata dalla Prof.ssa Roberta Salomone. La giuria, composta dalle Lions: Paola Lorenzi, Mariella Guarnaschelli, Evelina Fabiani e dalla Vice Dirigente Scolastica Prof.ssa Enrica Pasotti, ha giudicato meritevole il suo lavoro dal titolo: “La Pace è la messa a fuoco in un mondo tutto sfuocato”, per l’originalità di aver saputo “inquadrare” i mali del mondo attraverso l’obiettivo di una macchina fotografica, che ha come “messa a fuoco” la Pace.
Secondi a pari merito sono stati giudicati: Andrea Zavaglia (2°AS- sede Don Orione) preparato dalla Prof.ssa Anna Maria Marchisio, che ha dimostrato capacità grafica e armonia dei colori; Emanuele Colombo (classe 2°G-sede Centrale) preparato dalla Prof.ssa Marta Montessori, che ha dato prova di notevole tecnica esecutiva. Al di fuori del concorso ufficiale il Lions Club Voghera La Collegiata ha voluto assegnare un premio speciale per la creatività ed il significato lungimirante del disegno a Marco Marenghi (classe 2°A-sede Casei Gerola).
La Presidente di Zona, Mariella Guarnaschelli, ha consegnato alle insegnanti delle Scuole Primarie “Leonardo” e “De Amicis” due kits contenenti “Il gioco di Paco e Lola”, sussidio didattico ideato dalla Commissione Lions “I Giovani e la Sicurezza Stradale”, che permetterà ai docenti di avvalersi di un efficace mezzo d’insegnamento, tramite gioco, relativo al corretto comportamento quando si è in strada, a piedi, in bicicletta o in auto con i propri genitori.
La Presidente, Paola Lorenzi, ha concluso ringraziando in particolare la Dirigente Scolastica, Dott.ssa Maria Teresa Lopez e tutti gli insegnanti per la disponibilità e la preziosa collaborazione e gli alunni che, nei modi a loro più congeniali, hanno illustrato il proprio cammino di speranza verso la pace che, prima di tutto, consiste nel rispetto quotidiano del vicino e del compagno.
Questo concorso ci permette di riflettere su questo tema largamente condiviso, che è un’attitudine profonda dell’animo ed un impegno che i Lions sono orgogliosi di portare avanti.

E.F.

Fotografia
Nella foto: Il disegno vincitore di Marta Lavagnino


Fotografia
Nella foto da sinistra: Paola Lorenzi, Presidente Lions Club Voghera La Collegiata; Martina Fariseo, Presidente Leo Club Voghera;
Dr. Marco Galbusera; Alessandra Dallara, Referente Leo Progetto Martina

Progetto Martina a Voghera

Logo Lions Club Nell’ambito della fattiva collaborazione tra Lions e Scuola, martedì 16 Gennaio u.s. il Leo Club Voghera ed il Lions Club Voghera La Collegiata hanno programmato un incontro con gli studenti della classe 3°A Linguistico del Liceo “G. Galilei” di Voghera, per la presentazione del Progetto Martina, service nato per sensibilizzare i ragazzi sulla prevenzione dei tumori ed ormai diventato di rilevanza nazionale.
Dopo i saluti della Presidente del L.C. Voghera La Collegiata, Paola Lorenzi, hanno preso la parola la Presidente del Leo Club Voghera, Martina Fariseo, che ha esposto le finalità Leo e Alessandra Dallara, Referente del Progetto, che, ricordando Martina, una ragazza sconfitta da questo terribile male, ha evidenziato l’obiettivo fondamentale di quest’iniziativa cioè quello di informare ed educare i giovani ad avere maggior cura della propria salute con la convinzione che la lotta ai tumori non si vince con la paura, ma con la cultura, per questo il luogo ideale per affrontarla è proprio la scuola.
Il tema è stato trattato in maniera esaustiva dal Dr. Marco Galbusera, già Direttore dell’Unità Operativa di Ginecologia ed Ostetricia dell’Ospedale Civile di Voghera, che ha illustrato con grande chiarezza, come individuare in tempo utile i tumori non evitabili, seguendo tre vie: la prevenzione, che si ottiene eliminando i cosiddetti “fattori di rischio” (fumo, alcol, obesità, scarsa attività fisica), la diagnosi tempestiva e la terapia efficace, sottolineando che, nella maggioranza dei casi, i tumori sono causati da fattori ambientali e da stili di vita scorretti, dunque, è bene seguire i consigli contenuti nella cosiddetta “piramide della salute”: meno grassi, meno carne, più frutta e verdura ed attività fisica quotidiana.
Ha poi esaminato le neoplasie più frequenti nel sesso maschile e, più dettagliatamente, in quello femminile, con particolare riferimento al carcinoma del collo dell’utero, causato dal Papilloma Virus, consigliando la vaccinazione preventiva in età scolare, che permette al sistema immunitario di riconoscere il virus e distruggerlo prima che infetti le cellule ed il PAP Test, che consente di scoprire quelle che stanno degenerando in cancerose.
Linguaggio semplice per un approccio ad un tema tanto difficile, che ha suscitato negli studenti partecipazione e vivo interesse, dando vita a numerose domande.
Come da programma sono stati distribuiti pieghevoli informativi e questionari; inoltre è stato chiesto agli studenti di rivolgere, per iscritto, domande in forma anonima, secondo la modalità della Peer Education, che può essere definita un’esperienza di confronto di giovani tra giovani, a cui verrà data risposta il giorno 24 Gennaio p.v., alla presenza di una psicologa, per uno scambio ed una condivisione di informazioni tra persone della stessa età.
I ragazzi quando sono coinvolti, quando si offrono loro messaggi significativi senza incutere eccessivi timori, sanno rispondere con fiducia nei confronti della ricerca e con maggiore speranza verso l’avvenire che li attende.

E.F.

Fotografia
Nella foto: Il Dr. Galbusera risponde alle domande degli studenti


Fotografia
Nella foto: a sinistra, i giovani del Leo Club insieme alla Dr.ssa Cristiana Barbieri ed al Dr. Fabio Milanesi

I Lions Clubs ed i Leo delle Zone B e C della 2^ Circoscrizione
Impiegati nella prevenzione del diabete

Logo Lions Club I Lions Clubs ed i Leo delle Zone B e C della 2°Circoscrizione, nell’ambito della Settimana Mondiale del Diabete, si sono impegnati nel promuovere eventi volti alla conoscenza e prevenzione di quest’insidiosa malattia di cui esistono due forme: quello di tipo 1, giovanile, di cui è affetto il 10-15% dei malati, mentre quasi l’85% soffre di diabete di tipo 2 o adulto, legati a fattori di rischio quali l’ereditarietà, le cattive abitudini alimentari, la scarsa attività fisica, l’obesità, l’ipertensione arteriosa, i valori elevati di colesterolo e di trigliceridi ecc., di cui non tutti sono a conoscenza.
Si tratta di una delle patologie in più rapida crescita nel mondo e, attualmente, colpisce 422 milioni di persone, per questo i Lions hanno voluto porre l’accento sull’importanza di un equo accesso alle cure per chi è malato o a rischio di svilupparlo in futuro, pertanto sono state programmate le seguenti iniziative a partire dal 15 Novembre con un incontro, proposto dal Leo Club Voghera, sul tema “La Malattia Renale Cronica: una temibile complicanza del diabete”, che ha avuto come relatori la Dr.ssa Cristiana Barbieri, Presidente AMROP ed il Dr. Fabio Milanesi, Direttore U.O.C. Nefrologia e Dialisi ASST Pavia, che ha spiegato, in modo chiaro ed esaustivo, come la principale causa della malattia renale cronica sia il diabete e come siano in crescita anche le complicanze croniche: dai danni alla retina ed al cuore, fino all’insufficienza renale. E’ fondamentale, quindi, eseguire periodicamente, gli esami del sangue e delle urine che ci danno “il polso” della salute del rene ed ovviamente vanno misurati e tenuti sotto controllo anche la glicemia e la pressione arteriosa. I giovani del Leo Club Voghera hanno voluto dare il loro contributo, non solo con quest’incontro di tipo informativo, ma anche facendo realizzare magliette personalizzate con il logo Leo e dell’AMROP, il cui ricavato sarà devoluto all’Associazione vogherese
Il 17 Novembre, sempre a Voghera, i Lions Clubs Voghera La Collegiata e Voghera Castello Visconteo hanno organizzato una conferenza sul tema “Occhio e Diabete”, tenuta dal Dr. Umberto De Benedetto, Dirigente Medico oculista dell’Ospedale Civile cittadino, che ha evidenziato come questa malattia sia responsabile della retinopatia diabetica, che ha come possibile conseguenza la perdita parziale o anche totale della vista. Infatti l’iperglicemia danneggia i vasi sanguigni di tutto l’organismo e in particolar modo quelli di minor diametro, compresi i capillari della retina, per questo lo studio del microcircolo, effettuato con l’oftalmoscopio (a questo proposito il Dr. De Benedetto ha voluto ringraziare il Lions Club Voghera La Collegiata per aver donato al suo reparto questo importante strumento) e l’osservazione del fondo oculare sono momenti fondamentali nella visita del paziente con diabete mellito. Naturalmente, con le terapie intensive oggi a disposizione e con una diagnosi ed un trattamento precoci, il rischio di perdita della vista si può ridurre notevolmente.
Infine il 19 Novembre, a Voghera, Casteggio, Broni e Stradella sono stati effettuati screenings gratuiti del rischio diabete, rilevazione del peso e della pressione arteriosa, grazie alla professionalità e disponibilità di personale medico e paramedico Lions, sono stati compilati questionari ed è stato distribuito materiale informativo.
A Voghera, sotto il controllo del Dr. Angelo Caporotondi e del Dr. Fabio Milanesi, da 50 misurazioni è emerso che il 30% è affetto da ipertensione non ben controllata; il 20% ha presentato valori di glicemia oltre il limite standard; è stato scoperto un caso di glicemia non risaputo ed un caso di glicemia fuori controllo.
A Stradella, i Lions Clubs Stradella Broni Host e Stradella Broni Montalino, sotto il controllo del Dr. Antonio Ferrari, sono stati effettuati 113 screenings, senza rilievi di problematicità.
A Broni, il Lions Club Montù Beccaria “Le Vigne”, sotto il controllo della Dr.ssa Speranza Carlevati e del Dr. Emerico Luna, ha effettuato 110 screenings, da cui è risultato che il 14% presentava valori pre diabete e il 10% presentava diabete.
A Casteggio, il Lions Club Casteggio Oltrepò Pavese ha effettuato 31 screenings, di cui il 16% presentava valori pre diabete e 1 persona risultava affetta da diabete.
Tutte queste iniziative testimoniano l’impegno dei Lions nella sensibilizzazione nei confronti di quella che viene definita “la malattia del benessere”.

E.F.

Fotografia
Nella foto: da sinistra, Giuseppe Fiocchi, Presidente L.C. Castello Visconteo; Paola Lorenzi, Presidente L.C. La Collegiata ed il Dr. Umberto De Benedetto
Fotografia
Nella foto: Screening diabetico a Stradella
Fotografia
Nella foto: Lo screening diabetico in Piazza Duomo
Fotografia
Nella foto: Screening diabetico a Broni

Fotografia

"Il lusso tra glamour e finanza"

Logo Lions Club Alla presenza di numerose autorità lionistiche, tra cui il 1° Vice Governatore Lions Giovanni Fasani e dell’Assessore alla Cultura, al Commercio ed all’Istruzione Marina Azzaretti, il Lions Club Voghera la Collegiata, presieduto da Paola Lorenzi, venerdì 6 Ottobre u.s. presso il Castello di San Gaudenzio, ha aperto l’anno sociale con un meeting benefico sul tema: “Il lusso tra glamour e finanza”, relatore il Dott. Giuseppe Viola. Laureato alla Bocconi in Economia Aziendale, dopo importanti esperienze lavorative in grandi società, è stato nominato Direttore Centrale Gestione di Damiani Gioielli e, in seguito, Amministratore Delegato di Venini S.p.a. Con tono che lui stesso ha definito colloquiale e conviviale, ha introdotto l’argomento partendo dalla sua esperienza presso Damiani, dove il lusso diventa una sfida tra glamour e finanza, è una realtà che, nella cultura europea, segue una logica industriale, perciò quali sono le problematiche gestionali che derivano da questo sogno, che parte dalla pietra grezza ed arriva fino al gioiello regalato? Si deve creare una collezione che sia vendibile a prezzi competitivi sul mercato, considerando l’incidenza sia dell’approvvigionamento che dell’impiego finanziario e dei problemi legati alla sicurezza, ma l’attenzione al dettaglio è ciò che rende unica una produzione e la rende competitiva. L’America resta il mercato più ampio, ma l’Asia è il posto migliore dove vendere, perché oltre ad esserci le possibilità finanziarie, il consumatore è più attento.
Il Dott. Viola ha poi raccontato la sua esperienza presso Venini S.p.a. , in tempi recenti passata sotto il controllo del Gruppo Damiani. Si tratta della più famosa e blasonata vetreria artistica del mondo, sinonimo del Made in Italy, tradizione di eccellenza, creatività, artigianalità ed unicità. Fondata dall’avvocato milanese Paolo Venini che, con lungimiranza, seppe far convergere su Murano artisti, architetti e designers di talento come Carlo Scarpa, Giò Ponti, Gae Aulenti ed altri nomi celebri.
Il relatore ha, poi, concluso che bisogna saper proporre tutta questa raffinata produzione in modo imprenditoriale! A questo proposito va detto che c’è un’Italia apprezzata nel mondo, che produce ricchezza puntando su qualità ed innovazione. Un’Italia di cui essere orgogliosi, di cui spesso, però, non c’è piena consapevolezza.

Evelina Fabiani


Fotografia

"La cena dei Portici" dei Lions Clubs Vogheresi a favore di "Una mano per… Onlus"

Logo Lions Club Giovedì 21 Settembre p.v. i Lions Clubs vogheresi hanno trasformato i portici di Piazza Duomo in una tavolata conviviale, non solo per gustare i buoni sapori della tradizione locale, ma soprattutto, per raccogliere fondi, tramite un evento inedito che ha coinvolto varie realtà cittadine del commercio e della ristorazione, a favore dell’Associazione “Una Mano per…Onlus” , rappresentata dalla Presidente Cinzia Cullacciati e da Cristina Benzi dei Clowns di Corsia di Voghera, che insieme collaborano alla creazione di un parco giochi “inclusivo”. Infatti non basta installare un solo gioco per ragazzi con disabilità per creare “inclusione” con i bimbi normodotati, ma occorre attrezzare un’intera area per consentire una migliore interazione tra loro.
Questo progetto prevede l’installazione, su una speciale pavimentazione antiurto, di una giostra multifunzionale accessibile anche a chi si trova su sedia a rotelle, giochi sonori, utili a stimolare le parti sensoriali, altalene a due posti con sedute particolari ed una casetta multifunzionale adattata per bambini con disabilità. Il Sindaco di Voghera, Carlo Barbieri, ha voluto assicurare l’impegno del Comune e ringraziare i Lions Clubs per quest’opera di sensibilizzazione presso la cittadinanza nel raggiungere quest’importante obiettivo, considerando che, in Italia, ben poche città possono vantare parchi “inclusivi”.
La regia della serata, nata da un’idea del Lions Alessandro Menini, in collaborazione con Martina Fariseo del Leo Club, è stata diretta da Joy Planner, con l’intento di valorizzare i portici di Piazza Duomo, trasformandoli in una location suggestiva per un evento benefico che ha voluto anche celebrare le eccellenze gastronomiche della nostra terra; infatti è stato servito un menù tipico in abbinamento a vini locali, grazie alla collaborazione con il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese. Al termine la Presidente di Zona, Lions Mariella Guarnaschelli, ha ringraziato per il clima d’amicizia e di serena condivisione in cui l’apprezzato aspetto conviviale ha consentito ai Lions Clubs vogheresi di rispondere attivamente alle esigenze sociali della comunità.

Evelina Fabiani


Fotografia

Premio "Ventaglio d'Argento" alla Manager Vogherese Simona Scotti

Logo Lions Club Serata molto significativa nella vita del Lions Club Voghera La Collegiata, quella del 24 Giugno u.s., perché ha coinciso con la consegna del premio “Ventaglio d’Argento”, giunto alla sua XI edizione e conferito ogni 2 anni ad una personalità femminile del nostro territorio che si sia particolarmente distinta in campo culturale, artistico, scientifico o imprenditoriale.
Il Ventaglio d’Argento, simbolico perché riassume in sé impegno e femminilità, quest’anno è stato assegnato ad una giovane manager vogherese, SIMONA SCOTTI, che costituisce un esempio di leadership al femminile in quanto ha lavorato e lavora in aziende dal vissuto prevalentemente maschile, permettendo così di valorizzare il crescente apporto delle donne al mondo imprenditoriale.
Laureata in Ingegneria Elettronica presso l’Università degli Studi di Pavia; ha ormai più di 20 anni di esperienza lavorativa in aziende internazionali di medio e grosso calibro ed ha acquisito grande competenza nell’industria elettronica, nelle telecomunicazioni e più recentemente nell’industria automobilistica, infatti da maggio 2017 lavora presso l’Unità Cyber Business della Pirelli Tyre, dove è responsabile per la convalida e la conformità dei prodotti per l’industria automobilistica e per la definizione e la crescita dei processi produttivi.
L’Unità Cyber Business , appartenente alla divisione digitale della Pirelli Tyre, si occupa di soluzioni per sensori di nuova generazione su pneumatici connessi ad una piattaforma CLOUD che, attraverso una APP per smartphones, invia informazioni all’utente finale.
Il Lions Club Voghera La Collegiata con il “Ventaglio d’Argento” ha voluto mandare un messaggio che miri ad abbattere le barriere di genere sul posto di lavoro, come Simona Scotti ha espresso, in modo chiaro, sintetico ed elegante, ringraziando per questo riconoscimento che le è stato conferito proprio nella sua città d’origine.

Evelina Fabiani



Tornate alla Home Page
Tornate all'Home Page