Lions Club Crema Host

Lions Club Crema Host

Anno Sociale 2018-2019


Fotografia

Concerto di Solidarietà

La solidarietà a favore delle tematiche ( Fame-Vista-Ambiente-Diabete-Cancro Pediatrico)del Lions Clubs International Foundation continua come da tradizione codificata.
In occasione della festa di San Pantaleone a Crema in piazza Duomo, il Lions Club Crema Host e il Leo Crema grazie alla sensibilità dell’Associazione il Trillo e Associazione Olimpia hanno regalato alla città di Crema un momento di sana condivisione musicale creando con note di autori Europei e internazionali brani di alto profilo , stimolanti e coinvolgenti .
Il valore musicale è riuscito a sensibilizzare la generosa solidarietà della piazza gremita di gente e dei passanti attratti dal concerto.

Fotografia
Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Premiazione Concorso Lions Poster della Pace

Sono passati trent’anni da quando il Lions International istituì il concorso internazionale “ un Poster per la Pace” e ogni anno i Lions Club di tutto il mondo sono orgogliosi di sponsorizzarlo presso le scuole di cento paesi. I Poster passano attraverso diversi livelli di selezione fino a livello finale, quello internazionale.
In questo sodalizio il LIONS CLUB CREMA HOST grazie alla collaborazione degli Istituti Scolastici Comprensivi Offanengo-Romanengo e Bagnolo Cremasco hanno partecipato al suddetto concorso dal titolo “LA SOLIDARIETÀ È IMPORTANTE”.
Tutti gli elaborati sono apparsi sin da subito di buon livello, caratterizzati dalla spontaneità e genuinità di un’arte giovane che sa ben esprimersi sul tema della pace con ottimismo ed entusiasmo.
Per I.C Offanengo-Romanengo (scuole Romanengo) rispettivamente primo, secondo e terzo: Silvia Cremaschi (3 A), Aurora Guerra (2 B) e Marco Dadda (3 C).
Per la scuola Di Offanengo: Diego Presacco (3A), Luna Maggi ( 2D) e Alberto Venturelli (2E).
Per la Scuola Media di Bagnolo, è risultata vincitrice Laura Lacchinelli 2°A, con l'opera ”La pace è l'unico sentiero per un mondo migliore”.
Secondo si è classificato Fabio Barbati, 2°A.
Terza Camilla Vicardi , 2°B.
Si apprezzano in queste composizioni, la grande compattezza di un insieme di Pace ben raffigurato.
Si segnala per impegno e fantasia, Manuel Dendena, Aurora Bombelli e Nicole Chiesa.
Un doveroso ringraziamento ai Dirigenti Scolastici rispettivamente Prof.Romano Dasti(I.C Offanengo), Prof.ssa Paola Orini(I.C.Bagnolo Cremasco), ai docenti che hanno così validamente contribuito all'ottima riuscita del concorso con splendido allestimento delle opere.
La sinergia di tutti gli attori, alunni, docenti e Dirigenti grazie al Lions Crema Host ha reso speciale questo evento. Il tema del prossimo sodalizio 2019/2020 sarà:
IL CAMMINO DELLA PACE.

Fotografia
Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"La scuola cremasca: chi siamo, dove siamo, dove andiamo"

Questo il tema della serata dei Lions Club del territorio Cremasco,che si è svolta presso il ristorante Maosi ed ha visto la partecipazione del dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Cremona, Franco Gallo unitamente ai dirigenti dell’ambito 14.
L’intermeeting Lions ha visto la presenza dei presidenti dei vari sodalizi: Franco Maestri (Lions Crema Host), Roberta Jacobone (Gerundo), Elda Zucchi (Serenissima), Gianfranco Vailati (Soncino), Cristina Nigrotti (Leo Crema), oltre al coordinatore del distretto 108IB3-Sosan Riccardo Murabito e al delegato di zona Alberto Zambelli.
Quanto ai dirigenti scolastici, numerosi quelli che hanno risposto all’invito: per gli istituti comprensivi, Pietro Bacecchi (Crema 2), Paolo Carbone (Crema 3), Enrico Fasoli (IC “Chiesa” di Spino D’Adda), Paola Orini (IC “Rita Levi Montalcini” di Bagnolo Cremasco), Anna Lamberti (IC “Calvi” di Rivolta con reggenza IC di Sergnano), Maria Simonetta Bianchessi (IC “Fermi” di Montodine), Albertina Ricchiardi (IC di Trescore Cremasco). Per le scuole secondarie superiori: Maria Grazia Crispiatico (IIS Galilei, con reggenza IC Visconteo di Pandino), Claudio Venturelli (Racchetti-Da Vinci), Roberta Di Paolantonio (Sraffa-Marazzi), Paola Viccardi (Pacioli) e don Giorgio Zucchelli (Fondazione Manziana-Liceo Dante Alighieri).Albertina Ricciardi(ICTrescore Cremasco).
Prima di entrare nel vivo del tema della conviviale, ad Agostino Savoldi direttore del Centro Riabilitazione Equestre “Emanuela Setti Carraro”, il presidente del Lions Crema Host Franco Maestri, ha consegnato un importante contributo, in occasione dei 40 anni del Cre, che nel prossimo week end celebrerà la ricorrenza con una serie di manifestazioni.
Nella sua approfondita disamina, il prof. Gallo ha evidenziato come il vecchio provveditorato, quale retaggio di un’idea antica dell’amministrazione dello Stato di stampo francesizzante e accentratrice, longa manus del ministero, non esiste ormai più. Oggi l’UST è parte attiva di quel percorso incentrato sull’autonomia, che al di là delle polemiche politiche contingenti, ha contrassegnato tutti i processi di riforma scolastica, dal 1998 ai giorni nostri. Il dirigente ha sottolineato la complessità del sistema sociale, che riflette le sue specificità nella composizione stessa delle nostre classi. Diversi i temi analizzati: dall’importanza dell’istruzione professionale, con l’auspicio di una maggiore condivisione dei vari indirizzi con le associazioni di categoria del territorio. Alla personalizzazione dei percorsi e alle risposte da garantire agli alunni rappresentativi della molteplicità di bisogni educativi speciali.
Il prof. Gallo ha chiarito che nel recente passato anche questo territorio è stato interessato dall’istituzione degli ambiti territoriali, quali centri capaci di raccogliere informazioni per definire tra l’altro, il fabbisogno commisurato alle concrete esigenze nel reclutamento dei docenti di sostegno. Nella realtà, per svariate ragioni, collegate anche all’alternarsi delle maggioranze parlamentari, il processo riformatore pare essersi arenato a metà. Anzi, a tal proposito per il dirigente, “si è in mezzo al guado”.
Quanto al cremasco, per il dirigente Gallo, c’è una realtà di eccellenza, con istituti che si impegnano in tante iniziative. Una scuola che presenta un numero di studenti superiore rispetto alla realtà cremonese, ma che ha un numero inferiore di presidenze, tra verticalizzazioni e accorpamenti. Una scuola quella cremasca, dove coesiste un’offerta pubblica ed una paritaria, innovativa e dinamica, come confermano i successi certificati dagli indici pubblicati dalla Fondazione Agnelli.
Dai dati nazionali si evince che i consigli orientativi delle medie, che prima portavano al successo scolastico nel 90% dei casi, ora non sono seguiti come un tempo, rappresentando una certa sfiducia delle famiglie, rispetto alla capacità della scuola di leggere i bisogni. “In questo territorio le scuole dimostrano di essere in rete e la rete funziona, perché i dirigenti scolastici comprendono le criticità del sistema, e pur nelle diversità, fanno sintesi sulle tematiche importanti” ha concluso il dirigente Gallo. E sul fronte del coinvolgimento delle famiglie, nelle sue forme associative all’interno delle istituzioni scolastiche del territorio, Franco Gallo cita un altro elemento positivo del cremasco, perché: “Senza il coinvolgimento dei genitori che qui c’è stato, non sarebbe stato possibile portare avanti importanti iniziative sull’alternanza scuola lavoro e sull’orientamento dei futuri studenti, che interagiscono nel tessuto lavorativo.L’intermeeting si è concluso con un arricchente e sinergico scambio di considerazioni tra i presenti.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Prevenzione diabete: iniziativa Lions Crema Host e associazione diabetici

Creare consapevolezza nella collettività del “prevenire è meglio che curare”: questo uno degli elementi essenziali dei Lions International, impegnati a stimolare continuamente la prevenzione nei confronti di particolari disagi, attraverso azioni concrete sul territorio, come quella di ieri. Nemmeno la pioggia ha fermato la volontà di Lions Crema Host, Leo Clube Associazione diabetici, che hanno spostato la postazione inizialmente prevista in via XX settembre, angolo via Terni, all’interno della struttura messa a disposizione dall’oratorio Santissima Trinità. Protagonista della giornata è stato uno dei temi principali del Lions International, il diabete.
Duecento cittadini allo stand. Circa duecento le persone che si sono sottoposte allo screening della pressione arteriosa e al controllo della glicemia, curato dall’Associazione diabetici del territorio, dalla dottoressa Silvia Severgnini, responsabile del Centro diabetologico dell’ospedale Maggiore di Crema, da infermieri e specialisti. A fornire informazioni e assistenza, Franco Maestri, nella doppia veste di presidente Lions Crema Host e presidente dell’Associazione diabetici, Riccardo Murabito socio e coordinatore del distretto 108IB3 Sosan (solidarietà sanitaria), Alberto Zambelli, presidente di Zona A, Umberto Fayer, cerimoniere Crema Host, Cristina Nigrotti, presidente Leo Crema e Francesco Colombo, vice presidente Leo Crema, assieme a officers Club e Leo. Nel ringraziare don Remo Tedoldi, parroco della Santissima Trinità, per la concessione degli spazi, Riccardo Murabito ha aggiunto che nell’ambito della giornata di ieri è stata effettuata anche una raccolta di occhiali usati per il service sulla vista.

Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Service cittadinanza umanitaria e cultura Lions Day 2019

Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Service cittadinanza umanitaria e cultura Lions Day 2019

Importante service per la Scuola Primaria di Borgo S. Pietro a Crema effettuato dal Comitato ‘Cittadinanza Umanitaria Attiva’, coordinato dal PDG Adriana Cortinovis Sangiovanni, da quello ‘Cultura ed Arte’, coordinato dal PDG Laura De Mattè Premoli e dal Presidente della Zona A della 3^ Circoscrizione del Distretto Lions 108 Ib3 Alberto Zambelli. Il Lions Day è stato festeggiato direttamente nella classe IV C con gli alunni, che hanno ricevuto in dono dei libri per il progetto Lions ‘Dona un libro, donerai un Amico’. La docente Leda Carraro ha espresso tutta la gratitudine della Scuola per un omaggio di cultura che, ha sottolineato, “arricchisce la mente, insegna a superare le barriere culturali ed apre a prospettive sempre più ampie; solo così possiamo affermare le nostre potenzialità, acquisire la consapevolezza che siamo tutti uguali come ‘persone’ e, come tali, dobbiamo essere generosi e disponibili verso tutti”. Si è trattato di un momento molto sentito dai bambini, che si sono sentiti molto gratificati, non solo dai doni, ma anche dall’alta lezione educativa che ne è scaturita. Questo service è stato realizzato in collaborazione con il Comitato Biblions, con sede a Pavia, coordinato da Anna Maria Mariani Bottiroli, che ha generosamente fornito numerosissimi ed interessanti libri distribuiti, non solo ai ragazzi, ma anche ai Lions Club Crema Host, Gerundo, Serenissima, Soncino, Castelleone, Pandino il Castello e Leo Club Crema, affinché li donassero gratuitamente alla gente che si avvicinava ai loro gazebi allestiti nelle piazze il 7 maggio, Lions Day.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"I Lions e il romanzo"

Una serata particolare in intermeeting, dei Lions Club Gerundo, Crema Host, Leo Crema associazione Civitas, è avvenuta martedì 26 Marzo presso il ristorante “Fondaco dei Mercanti” Moscazzano.
La sinergia che ha coinvolto le associazioni è dovuta dalla presenza della scrittrice Marina Di Guardo, la quale ha presentato il suo ultimo nato “La memoria dei corpi”, un thriller originale, in cui storie di vissuto, amori, relazioni e intrighi fascinosi, imbrigliano relazioni inconsuete.
Marina Di Guardo, siciliana di origine, ma cremonese di adozione, è stata presentata dalla moderatrice Barbara Donarini, la quale è riuscita a innescare un vortice di curiosità di vissuto della stessa scrittrice.
Il romanzo “La memoria dei corpi” è un racconto in cui la scrittrice vuole accompagnare per mano il lettore nei meandri delle colline piacentine all’interno di una villa ottocentesca, luogo in cui tutto e tutti “nascondono” qualcosa.
La famiglia, gli aspetti psicologici e il contesto sono elementi avvolgenti che richiamano il lettore al proprio vissuto.
L’interazione stimolata dalla moderatrice alla scrittrice, ha permesso anche ai presenti di suscitare la curiosità nell’approfondimento di tale romanzo.
Presenti alla serata i presidenti Roberta Jacobone per Crema Gerundo, Francesco Maestri per Crema Host, Cristina Nigrotti per Leo crema, Francesco Borsieri per associazione Civitas, Riccardo Murabito Coordinatore 108 Ib3 Sosan, Alberto Zambelli Presidente di Zona, officer dei club, soci e ospiti.
Un ringraziamento speciale per aver contribuito a rendere la serata ancora più coinvolgente accogliente è stato rivolto alla ditta Green Oleo.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"I lions della città e il Pastore della Diocesi"

Come da tradizione, anche in questo sodalizio 2018/2019 tutti i Lions Club della città ( Club Crema Host, Crema Serenissima, Crema Gerundo, e Leo Crema) si sono riuniti per il consueto intermeeting con il Vescovo Mons. Daniele Gianotti, prima in un momento di spiritualità con la Santa Messa celebrata dal Pastore della Diocesi, nel gioiello architettonico chiesa San Giovanni Battista affrescata da Giacomo Barbelli nel 1636, e a seguire, unitamente al Vescovo, i Soci e gli Officer Distrettuali si sono recati presso il Ristorante Nuovo Maosi, per arricchirsi del contributo sul tema “Emigrazione”. Presenti alla Conviviale, oltre al Vescovo, il Vice Presidente del Crema Host Pierfranco Campari (per assenza momentanea del Presidente Franco Maestri), la Presidente del Serenissima Elda Zucchi, la Presidente del Gerundo Roberta Iacobone, la Presidente dei Leo Cristina Nigrotti, i Past Governatori Franco Marchesani, candidato alla carica di Direttore Internazionale per il triennio 2019/2021 e Adriana Cortinovis, il Coordinatore SOSAN Riccardo Murabito, il Presidente di Zona Alberto Zambelli, soci e ospiti dei Club.Il Vescovo Mons. Gianotti ha affrontato il tema della serata, riguardante l’emigrazione, soffermandosi sulla necessità di avvalorare il concetto di fratellanza e di unione dei popoli auspicato da Papa Francesco, al fine di condurre alla ricerca umana in ognuno di noi, di un’accoglienza aperta, e non miope e disumana. A tal fine ha fatto riferimento a una lettera Apostolica di Papa San Paolo VI, nella quale affronta il tema della questione dell’emigrazione, già all’epoca molto grave. In conclusione del suo discorso, il Pastore della Città, ha ripreso il Vangelo letto durante la Santa messa, sottolineando che tutto ciò che è creato da Dio, necessità rispetto, riconoscenza e soprattutto amore. Il tocco della campana ha dato fine alla sinergica azione dei Club Lions della Città.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"INTERconNETtiamoci... ma con la testa"

Adriana Cortinovis Sangiovanni, Coordinatrice dei Comitati Comunicazione Esterna ed Interna e Cittadinanza Umanitaria Attiva del Distretto Lions 108 Ib3, che comprende le provincie di Cremona, Lodi, Pavia e Piacenza, unitamente a Laura De Mattè Premoli, Coordinatrice del Comitato Cultura ed Arte dello stesso Distretto, hanno organizzato l’importante Convegno “INTERconNETtiamoci ...ma con la testa”, con relatore l’ing. Piero Fontana. I ragazzi presenti, con molto anticipo, rispetto alla loro età, hanno potuto sperimentare una lectio magistralis, grazie alla generosa disponibilità e collaborazione di Unicrema, libera Università per Adulti, che ha concesso l’uso gratuito dell’Aula Magna e delle strumentazioni, grazie al prof. Vincenzo Cappelli, presidente di Unicrema e della Proloco che, anche a nome del prof. Don Marco Lunghi, direttore dei Corsi, ha espresso la propria soddisfazione per la collaborazione ad un evento così significativo per i ragazzi e per tutta la cittadinanza.
Naturalmente, per dar vita ad un evento di queste proporzioni, un grazie particolare è andato al Banco Popolare per il Territorio, nella figura del Presidente, dott. Giorgio Olmo e del Consigliere, rag. Nino Caizzi, che ha identificato l’apertura e la sensibilità di sempre dell’Istituto bancario ad iniziative di carattere culturale ed umanitario a favore della cittadinanza. Altri due sponsors sono stati: Nichetti Autotrasporti di Chieve e Vivaio-Fiori di Giovanni Pizzamiglio di Spino D’Adda.
E' stata una giornata particolarmente importante, perché ha visto moltissimi adulti e ragazzi presenti, per ascoltare, imparare, affrontare uno dei problemi che maggiormente caratterizzano la nostra quotidianità: i rischi che corrono i giovani attraverso la navigazione in rete.
Però non si è trattato di identificare solo i pericoli, ma anche e, soprattutto, conoscere le strategie per evitarli.
Ecco perché numerosissimi sono stati i ragazzi, più di 200, presenti grazie alla sensibilità ed alla lungimiranza dei Dirigenti Scolastici che hanno aderito all’iniziativa. La Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Rita Levi Montalcini” di Bagnolo, Vaiano, Monte e Chieve, prof. Paola Orini, ha espresso, anche a nome della Dirigente dell’Istituto Comprensivo “P. Sentati” di Castelleone, Vilma Stradiotti, la propria soddisfazione per essere concretamente vicini alle esigenze di una società che cambia con soluzioni ed interventi informativi e preventivi. Era presente anche il Dirigente Scolastico del plesso Crema 2, prof. Pietro Bacecchi, oltre a molti adulti, genitori, nonni, insegnanti e persone che vivono quotidianamente in rapporto con i giovanissimi.
Il merito di questo Convegno è stato quello che, nonostante le apparenti difficoltà di dialogo, ha visto riunite varie generazioni per un utile e costruttivo confronto.
La giornata è stata aperta secondo il consueto cerimoniale Lions, con l’ingresso delle bandiere, accompagnate dall’inno nazionale islandese, in onore della Presidente Internazionale Gudrun Yngvadottir, quella europea accompagnata dall’”Inno alla gioia” e quella italiana, accompagnata dall’Inno italiano e portate, rispettivamente, da due alunni dell’Istituto Comprensivo di Bagnolo e dal Segretario del LC Castelleone Luigi Manfredoni.
Dopo la lettura delle finalità del Lions Club International, che “mira a partecipare attivamente al bene civico, culturale, sociale e morale della comunità” e ad “unire i club con vincoli di amicizia, fratellanza e comprensione reciproca”, sono stati salutati i graditissimi ospiti: il Governatore Distrettuale Giovanni FASANI, l’Immediato Past Governatore Giovanni Bellinzoni, il 1 Vice Governatore Distrettuale Angelo Chiesa, il Past Governatore Franco Marchesani, il GMT Moreno Poggioli, Il Segretario Distrettuale Giorgio Bianchi, il Presidente della Zona A della III^ Circoscrizione Alberto Zambelli, molti Officers distrettuali ed i Presidenti del LC Crema Host Francesco Maestri, del LC Soncino Gianfranco Vailati, del LC Crema Serenissima Elda Zucchi, del LC Castelleone (rappresentato da Luigi Manfredoni), del LC Pandino il Castello (rappresentato da Mariarosa ed Enrico Stellardi), del LC Lodi Europea Laura De Mattè Premoli, del LC Lomellina Riva del Po Mariarosa Morandi Moncalieri, del LC Bettola Val Nure Romeo Albertelli, oltre a numerosi soci ed Officers Distrettuali, tra cui Evelina Fabiani e Magda Franzoni, componenti dei tre Comitati organizzatori.
L’Assessore alla Cultura Emanuela Nichetti è intervenuta a sottolineare l’importanza di un intervento formativo di alto livello come questo per arginare molte devianze ed errate sollecitazioni a cui sono soggetti i giovani di oggi.
Anche i Sindaci di Monte Cremasco, avv. Giuseppe Lupo Stanghellini e di Vaiano Cremasco, dott. Paolo Molaschi, hanno espresso il loro apprezzamento e la loro vicinanza ad un evento che ha coinvolto molti ragazzi della propria comunità.
Un sentito riconoscimento è stato indirizzato anche agli iscritti dell’Unicrema, sempre presenti e partecipi ad iniziative che interessano il territorio.
Ha preso, poi, la parola l’ing. Piero Fontana, Colonnello del Corpo degli Ingegneri dell’Esercito, attualmente in servizio a Roma come Capo della Divisione “Sistemi Informatici” della Direzione per l’Informatica, la Telematica e le Tecnologie Avanzate del Ministero della Difesa. E’ un lions, socio del LC Cecina (Livorno) e membro dell’International Information Security System Certification Consortium, una delle più importanti Associazioni che, nel mondo, promuovono la conoscenza, la formazione e lo sviluppo nel campo della Sicurezza. In tale Associazione, è membro del Gruppo di Lavoro sull’Educazione alla Sicurezza Informatica, che lavora su vari temi di sensibilizzazione, consapevolezza e coinvolgimento nelle Scuole Primarie e Secondarie.
L’ing. Fontana ha identificato un grave problema: la navigazione in rete è fonte di rischi, ma non tutti, ragazzi ed adulti, ne hanno piena cognizione. Internet rappresenta, fin dalla sua nascita, il regno della libertà, ma ci si dimentica di precisare che si tratta di una libertà molto più ampia di quelle finora conosciute, non soltanto perché fa uso di una tecnologia molto potente, ma anche perché, in gran parte, è rimessa all’arbitrio di chi la esercita e, di conseguenza risulta molto più pericolosa per i diritti altrui. Dopo un excursus sulla velocità con cui si è evoluta la tecnologia, il relatore ha spiegato che, proprio per questo, si sono trovati, in gran parte, impreparati i genitori, i nonni, gli insegnanti e gli adulti che, da sempre, hanno, invece, svolto un ruolo fondamentale nell’educazione e nella crescita dei minori. Ecco perché è necessario conoscere bene le regole dei programmi che si usano sul PC, sugli smartphone e tablet, mantenere aggiornate le difese dei mezzi informatici, usare solo software provenienti da fonti sicure e curare la privacy nei Social Network. Con un approccio improntato ad una simpatica interazione con gli studenti, il relatore, con slides interessanti e di impatto immediato, ha invitato a selezionare bene i contatti con i quali scambiare informazioni, foto e video, a riflettere bene prima di postare foto, video, o solo pensieri, ad usare password criptate e non da condividersi, a comportarsi come è auspicabile, rispettando gli altri. E’ inoltre importante segnalare abusi e, se necessario, chiedere aiuto.
Cosa non fare? Rispondere a messaggi “imbarazzanti”, fissare appuntamenti con persone conosciute sulla Rete, fornire informazioni personali, aprire allegati di mail provenienti da fonti non sicure, scaricare musica e programmi illegalmente e fornire indicazioni su dove siamo e cosa facciamo in ogni istante, al fine di prevenire guai seri.
Il Governatore Distrettuale Giovanni Fasani, nell’esprimere la propria soddisfazione per questo intervento, improntato all’acquisizione di norme fondate sul rispetto dei principi improntati alla prudenza, alla discrezione ed alla riservatezza, per un uso consapevole e responsabile della Rete da parte di giovani ed adulti, si è complimentato per questo intervento fattivo, organico e completo, che ha aperto nuovi orizzonti di comportamento. Non per niente, “INTERconNETtiamoci...ma con la testa” verrà proposto come Service Nazionale al Congresso Nazionale Lions di Montecatini Terme.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Pandemia Diabete

Il secondo semestre del sodalizio 2018/2019 del Crema Host è iniziato Venerdì 25 Gennaio, presso la sede del Ristorante Nuovo Maosi, con una delle aree tematiche del Lions International, il diabete.
Il Presidente Franco Maestri, nonché Presidente dell’Associazione Diabetici del territorio, ha dato inizio al meeting presentando la relatrice Dott.ssa Silvia Severgnini, Responsabile del Centro Diabetologico Ospedale Maggiore di Crema, e ha salutato i soci , gli officer distrettuali del 108ib3 ( PDG Adriana Cortinovis,ZC Alberto Zambelli, Coord.SOSAN Riccardo Murabito, P. Soncino Gianfranco Vailati) e ospiti presenti e in particolare il PDG Franco Marchesani, quale candidato alla carica di Direttore Internazionale per il sodalizio biennale 2019/2021.
La Dott.ssa Severgnini nel presentare il tema della serata: “Pandemia diabete - diabesità - alimentazione eccessiva e alterata - ridotto esercizio fisico”, ha affermato che il diabete è in continua crescita nella zona europea, mentre in Asia e in Africa è in modo assai esponenziale. In Italia oltre 3 milioni di persone soffrono di diabete e 8 persone ogni ora ne muoiono , praticamente il 60/80 per cento della mortalità è dovuta a tale malattia.
Infatti ,un dato statistico dimostra che essa è la quarta causa di morte in Italia.
Nel mondo, la presenza del diabete, paradossalmente è nelle regioni del “non” benessere. Tutto ciò è dovuto in particolare,ad una cattiva alimentazione, il 26% dei diabetici è obeso, compresa la fascia dei ragazzi e bambini. Tale tematica appartiene a un gruppo di malattie, caratterizzate da iperglicemia, ovvero un alto valore di zucchero nel sangue. Quindi ,uno stile di vita equilibrato e un esercizio fisico quotidiano, è necessario per una sana prevenzione, al fine
di allontanare disturbi cardiovascolari e addirittura causare cecità e talune volte amputazione di arti.
Il meeting si è concluso con l’ampia e interattiva partecipazione dei presenti, in un dibattito informativo, ma soprattutto formativo.

R. Murabito

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Grande successo per la riunione di Zona A III Circoscrizione Distretto 108 Ib3

Il giorno 29-11-2018, presso il ristorante “Ad Convivium” di Pandino, si è svolta la II^ riunione della Zona A della III^ Circoscrizione, Distretto 108 Ib3, dedicata alla formazione, dal titolo “Per saperne di più...”, finalizzata a chiarire dubbi ed incertezze emersi durante la precedente riunione e ad approfondire argomenti di carattere lionistico.
Con grande soddisfazione del Presidente di Zona Alberto Zambelli e dei relatori, erano presenti 50 persone a rappresentare tutti i club lions e leo della Zona e precisamente: LC Crema Host, LC Soncino, LC Pandino Gera D’Adda Viscontea, LC Crema Gerundo, LC Crema Serenissima, LC Castelleone, LC Pandino il Castello, Leo Club Crema.
L’incontro si è svolto in modo interattivo: ai convenuti è stato consegnato un foglio su cui proporre domande rivolte ai relatori, domande che, poi, sono state smistate in base alle competenze di ciascuno.
Ha preso per primo la parola Massimo Camillo Conti, Coordinatore della Convention Milano 2019, che ha identificato l’entità delle quote che ogni socio partecipante pagherà. Il nostro distretto, al momento, ha circa 100 volontari, si spera che possano arrivare almeno a 140. Ha poi sollecitato la prenotazione dei banner da esporre da parte di ogni club durante l’evento.
Fausto Casarin, Responsabile GLT, alla domanda su come superare la distanza fra “vertici e base”, ha ribadito che, in ambito lionistico, “i vertici non ci sono, perchè siamo tutti uguali” ; comunque, per entrare nel cuore delle problematiche, è opportuno frequentare i Gabinetti distrettuali ed i Congressi, avere lo spirito di squadra, sapersi rapportare con gli altri, coinvolgere tutti “per far uscire quelle persone che sono più timide a parlare”. Andare in piazza, avvicinarsi alle persone, farci conoscere dalla gente, lavorare insieme con i Leo, creare intermeeting sono presupposti fondamentali per la via del successo. Dopo una breve storia del lionismo dalla sua nascita, Casarin ha proposto quattro punti imprescindibili per realizzare la nostra Mission: integrità, responsabilità, lavoro di équipe ed eccellenza.
Moreno Poggioli, Responsabile GMT, ha invitato ad occuparsi della retention, a far entrare nuovi soci ed a creare nuovi club, anche satelliti e di scopo. Anche i Leo devono essere stimolati ad entrare nei Lions, una volta raggiunta l’età: ecco perché devono essere coinvolti alla pari ed assumersi le loro responsabilità. Ha proposto una mappatura dei soci: gli uomini sono in maggioranza, mentre le donne si attestano al 40%, facendo sì che il nostro distretto risulti secondo su 17 come presenza dell’elemento femminile. Come scegliere i soci? Analizzando il socio ideale che risulti in sintonia con il club in cui entrerà, prevedere se sarà in grado di amalgamarsi con i soci esistenti, coinvolgerlo, stabilire una rotazione degli incarichi ed instaurare un clima di coesione fra le varie età dei soci. E’, inoltre, necessario offrire motivazioni ai soci silenti. Conclude affermando che il metodo ottimale per la retention è motivare i soci al rispetto delle regole lionistiche.
Il PDG Franco Rasi, Responsabile GST, ha affermato che “il service è la chiave di svolta del lionismo”. I Lions, che sono una delle 336.000 associazioni al mondo, se diminuiscono dal punto di vista numerico, significa che “c’è qualcosa che non va nei service. Come li gestite? Come li portate avanti? 70 anni fa c’era una forma di lionismo che accontentava solo la media ed alta borghesia, che ora non ci sono più…. Se non ci evolviamo, siamo destinati a soccombere. E’ cambiato il mondo, quindi, anche il Lions deve cambiare: i services non devono più avere il carattere elemosinale del passato, ma essere un mezzo e non un fine”; abbiamo perciò la necessità di adattare il nostro lionismo alla nuova realtà. Il service deve essere condiviso, non rispecchiare solo la volontà di un singolo e va affrontato nel rispetto delle regole. Il PDG ha concluso con l’auspicio che la vita lionistica sia improntata a serenità, tranquillità e gioia di vivere insieme.
La riunione si è svolta in un clima di interazione e di proficuo confronto dialettico. Un successo.

Adriana Cortinovis Sangiovanni
Coordinatore Comunicazione Esterna ed Interna Distretto 108 Ib3

Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Festa degli Auguri

La tradizione del Natale produce effetti di continuità a favore della collettività. Il Lions Club Crema Host e il Leo Crema, in occasione della serata augurale con Officer Distrettuali, Soci e ospiti, si è riunito martedì 11 Dicembre per festeggiare in amicizia e gioia.
Nel corso della serata è stata realizzata una tombola, il quale ricavato è stato rivolto alla raccolta fondi per il centro Riabilitativo Equestre Crema, che quest’anno compie 40 anni della sua fondazione, e del quale il Lions Club Crema Host è uno dei fautori della nascita di tale centro. Il Presidente del sodalizio del Crema Host Francesco Maestri ha augurato a tutti i presenti buone feste natalizie, con la speranza che il nuovo anno sia ancor più ricco di soddisfazioni solidali e di Service per il Lions International, sempre a vantaggio della comunità. Presenti alla conviviale Il Direttore del CRE (Centro Riabilitativo Equestre)Agostino Savoldi, i Presidenti dei Lions Club del territorio della III Circoscrizione Distretto 108 Ib3 (
> per il Crema Serenissima Elda Zucchi, per il Soncino Gianfranco Vailati , per Gera d’Adda Viscontea Anna Fiorentini, per il Leo Crema Cristina Nigrotti, il delegato di Zona Alberto Zambelli, PDG Adriana Cortinovis e il Coordinatore Distrettuale SOSAN (Solidarietà Organizzazione Sanitaria Onlus)Riccardo Murabito. La serata si è conclusa con la lettura della poesia a tema da parte di Franco e Lina Casalini Maestri e con un dono a tutti i presenti.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Spedizione occhiali usati

Spedizione occhiali usati con la collaborazione del Direttore delle Poste Italiane di Crema ,unitamente alla referente Elda Zucchi sono stati inviati 90 kg di occhiali usati al centro di Chivasso.
Si ringraziano i L.C. Crema Host, Crema Serenissima, Castelleone, Soncino, Cremona Duomo e Stradivari.
Un particolare ringraziamento al Presidente della Associazione Diabetici del Territorio Cremasco per la sinergica condivisone fattiva.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Meeting sulla legalità

Venerdì 16 novembre 2018 il Lions Club Crema host si è riunito presso il ristorante nuovo Maosi di Crema per affrontare il tema Lionistico dei giovani.
Il presidente del Lions Crema Host Franco Maestri ha rivolto un saluto a tutti i presenti tra soci Leo , lions e ospiti in modo particolare ai dirigenti dell’istituti comprensivi : di Bagnolo Paola Orini (socia del Club) di Crema 1 Mariacristina Rabbaglio, Crema 2 Pietro Bacecchi, Crema 3 Paolo Carbone, nonché alla Relatrice della serata, la dottoressa Maura Longari funzionaria assistente sociale coordinatrice presso la prefettura di Cremona,la quale svolge a livello provinciale il coordinamento delle attività previste dal protocollo “scuola spazio di legalità”, firmato con i dirigenti delle scuole del territorio, incaricata di svolgere incontri di formazione con docenti, genitori e studenti sui temi della legalità con particolare riferimento all’uso
di bevande alcoliche , sostanze stupefacenti e bullismo.
La dottoressa Longari ha voluto intraprendere il tema della legalità definendolo come “legame credibile e coerente tra interesse privato e pubblico “in una prospettiva di movimento e cambiamento, poiché
scegliere di muoversi in una cornice di legalità di regole ci permette di sentirci liberi e di cogliere il nostro spazio di libertà e relazione a quello degli altri e di essere consapevoli di ciò che fanno gli altri e di ciò che gli altri si aspettano da noi e ci aiuta a sentirci tutti parte integrante di uno spazio (oratorio, scuola,
città...) la dottoressa Longari ha concluso il suo discorso mettendo in risalto soprattutto che le regole, le norme, le leggi se vengono praticati e condivise ci aiutano a poter immaginare e prevedere come gli altri si muovono.
Prima del termine della serata e del consueto tocco della campana, il Presidente del Club ha voluto ingraziare la relatrice Dottoressa Longari, gli ospiti presenti, Officer Distrettuali e soci del club,
per l’ampia e coinvolgente partecipazione.

Lions Riccardo Murabito

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

I Lions del Crema Host del Crema Serenissima e del Soncino sulla pediatria ospedaliera di secondo livello

Venerdi 19 Ottobre si è svolto, presso il Ristorante Nuovo Maosi, l’intermeeting dei Lions Clubs Crema Host, Crema Serenissima e Soncino dal tema “Il ruolo della Pediatria Ospedaliera di secondo livello, all’interno della Rete di assistenza delle malattie croniche, quali il Diabete e le Malattie Tumorali”>>>>>> I Clubs rappresentati dai numerosissimi soci intervenuti e dai relativi presidenti Franco Maestri, Elda Zucchi (sostituita da Massimo Sanella) e Gianfranco Vailati, hanno ospitato il relatore della serata : il Dr. Emilio Canidio – Primario del Reparto di Pediatria dell’Ospedale Maggiore di Crema, una persona carismatica e di grande talento.
Soffermandosi sull’opportunità del dialogo sinergico Diabete e Cancro Pediatrico, temi affrontati nella serata, come da linee guida internazionali.
Il Dr. Canidio ha introdotto l’argomento, definendo la Pediatria come la Medicina Generale del bambino curato nella sua interezza, non guardando solo all’aspetto del corpo, ma anche a quello psicologico e relazionale. Cercando di coadiuvare gli aspetti anche più delicati del rapporto bimbo/famiglia/struttura ospedaliera. Importante è fare in modo che i genitori collaborino affinché il bimbo possa superare la patologia, oppure convivere con la stessa, in un clima il più sereno possibile.
Il Relatore della serata ha inoltre trattato l’importanza basilare di tessere relazioni con altre strutture ospedaliere sinergiche, sia nel campo della pediatria che in quello del diabete, al fine di poter creare “ponti di comunicazione”, per instaurare un dialogo medico scientifico costante, mettendo in comune informazioni specifiche, conoscenze ed esperienze vissute.
Altrettanto significativo è stato il passaggo riferito alla classe medica, nella quale esiste una rilevante presenza di persone altamente preparate ed appassionate della loro professione, un enorme patrimonio che spesso non è conosciuto. Questo concetto è stato anche riportato nell’intervento del Prof. Serra (emerito pediatra cremasco e socio del LC Crema Host) che ha precisato la tanta buona volontà, passione ed umiltà del corpo medico sia del presente che del passato.
Altro tema di enorme importanza è stato quello delle patologie neonatali, che rappresentano un mondo a sé, con esigenze specifiche, anche se rientranti nella pediatria generale. Questo lascia ampio campo alle problematiche relative alla riorganizzazione delle risorse al fine di evitare dispersioni sia economiche che professionali.
Al termine della serata, il Dr. Canidio ha risposto ai numerosissimi interventi degli amici lions presenti all’intermeeting, i quali, attratti dal coinvolgimento ricevuto, hanno coralmente ringraziato il relatore per la professionalità e l’umanità esternata.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Visita del Governatore

L’attività del sodalizio 2018-2019 del Lions Club Crema Host prosegue con le motivazioni e i riferimenti alle aree tematiche del Lions International. Venerdì 5 Ottobre presso il Ristorante Maosi il secondo meeting è stato dedicato alla visita del Governatore Distretto 108 Ib3 Giovanni Fasani in visita al Club Crema Host e al Club Leo Crema.
Il Presidente del Crema Host Franco Maestri e la Presidente del Leo Crema Cristina Nigrotti, hanno presentato al Governatore , alla presenza del Segretario Distrettuale Giorgio Bianchi, del Coordinatore Distrettuale SOSAN (solidarietà sanitaria lions)Riccardo Murabito, socio Tesoriere ,del Segretario Massimo Cacopardo, del Cerimoniere Umberto Fayer e di altri soci Lions,Leo e ospiti, l’attività Lionistica del sodalizio.
In particolare saranno affrontati progetti di Service legati alle tematiche indicate dal Board International: fame, vista, ambiente,Diabete e cancro pediatrico.
Il Governatore si è soffermato sull’attenzione che i Club dovrebbero dare secondo le linee programmatiche della Presidente Internazionale Gudrun Yngyadottir, la quale esorta tutti i Lions al Fare per gli altri superando ogni difficoltà oltre l’orizzonte penetrando sul territorio e stimolando la crescita di Voci nuove (nuovi soci in particolare donne), costruendo una base di valori e di competenza al fine di mettere in risalto a 360 gradi il motto “We serve”. La conviviale si è conclusa con lo scambio dei Gagliardetti e con un’ampia condivisione di tutti i presenti.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page