Lions Clubs Logo
Distretto 108 Ib3 - Italy
We Serve


Lions Club Crema Host
Lions Club Crema Host

Visitate il sito del Club Visitate il sito del club



Notizie dal Club

Fotografia

Premiazione Poster della Pace

Logo Lions Club Sono passati 30 anni da quando il Lions International istituì il concorso internazionale “Un poster per la pace”, e ogni anno i Lions Club di tutto il mondo sono orgogliosi di sponsorizzarlo tramite dei service presso varie scuole del mondo. Quest’anno il tema del concorso è stato “Il futuro della pace” ed è stato possibile renderlo visibile dagli elaborati realizzati dagli studenti delle scuole medie di Offanengo, Romanengo e Bagnolo Cremasco, i quali disegni sono apparsi di buon livello, caratterizzati dalla spontaneità e genuinità di un’arte giovane che sa esprimersi con ottimismo e entusiasmo.Nella giornata di giovedì 10 maggio 2018 il LIONS CLUB CREMA HOST ha premiato i vincitori dell’Istituto Comprensivo Bagnolo Cremasco.
Tra i tanti studenti che hanno partecipato, a prevalere sono stati gli elaborati di: Ginelli Alessio (seconda C), primo classificato, con un’opera di forte carica coloristica, che rappresenta una festosa fantasia onirica in cui ragazzi di diverse etnie, svolazzano nel cielo e cercano di ricomporre il cuore del mondo squarciato dalle guerre. Seconda classificata Giulia Quartaroli (seconda B) con un disegno assai elaborato, ma perfettamente equilibrato nelle forme e nei colori, figurante l’albero della vita di Expo Milano 2015, nel quale intorno si riuniscono ragazzi di varie nazioni. Terza classificata è stata Petra Donida Maglio (seconda A), la quale ha abilmente disegnato il noto simbolo della pace incastonato tra due mondi opposti, quelli di serenità (pace) e quello tristezza (guerra). La Presidente del club Crema Host Paola Orini, nella duplice veste, anche di Dirigente dell’istituto Comprensivo Bagnolo Cremasco, si è complimentata per l’impegno ,la creatività e lo spirito di convivenza civile che i ragazzi sono riusciti a rappresentare con la sinergia del corpo docente e degli stessi Lions.
Presenti alla premiazione il sindaco di Bagnolo Cremasco Avv.Doriano Aiolfi insieme all’Assessore alle attività produttive Gaia Fontana , la rappresentante al comune di Chieve Consigliera Cristina Rossoni, il referente che ha curato il “concorso”, nonché socio lions dr.Alberto Besson, il Past Presidente Riccardo Murabito e il tesoriere Franco Maestri.
La giornata si è conclusa con l’estemporanea premiazione delle performance sportive di due studenti: Matteo Nichetti e Francesca Borlini della scuola media di Chieve ,insieme al Professor Stefano Rocca. A corollario dei saluti, l’auspicio per il proseguo alla partecipazione al “concorso Lions “per il prossimo sodalizio con il nuovo tema: “La solidarietà è importante”.

Fotografia
Fotografia

Fotografia

"I Lions e una finestra sul l’universo invisibile!"

Logo Lions Club Un meeting di apprendimento della Radioastronomia, per il Lions Club Crema Host, presso il Ristorante Nuovo Maosi, il giorno Venerdì 6 Aprile 2018.
Relatrice della serata la Dott.ssa Beatrice Terni de’ Gregory, laureata in Scienze Matematiche e Fisiche, e laurea Magistrale in Astrofisica e Cosmologia.
Presenti alla serata, oltre la relatrice ,L’assessore alla cultura del Comune di Crema  Nichetti Prof ssa Emanuela, la dott.ssa  Irene Formaggia insieme al consorte dott. Marco Terni de Gregori, la d.ssa Maria Stella Leone, il dirigente Liceo Galilei di Caravaggio Venturelli Prof. Claudio e consorte ,la Past Governatore Adriana Cortinovis ,la Presidente del Crema Host Paola Orini, soci e ospiti. La Relatrice ha presentato, sotto varie sfumature, la Radioastronomia, definendola come una finestra sull’universo invisibile. In Italia questa scienza viene controllata dall’Istituto di Radioastronomia di Bologna (INAF), di cui la relatrice ne fa parte. 
Gli astronomi osservano un oggetto quando la radiazione elettromagnetica (pacchetto di energia che viaggia nello spazio a velocità costante) da questo emessa, interagisce con i rivelatori di un telescopio. Per poter misurare questa tipologia di radiazione viene utilizzato un particolare strumento: il Radiotelescopio, il quale raccoglie il segnale che dallo specchio riflettore, viene riflesso al subriflettore, dopodiché il segnale convogliato al ricevitore, verrà poi analizzato da un computer. La relatrice ha voluto inoltre sottolineare come nel Mondo vi sia una grandissima affluenza di Radiotelescopi, ognuno dei quali si estende per quasi cento metri, e che vengono controllate quotidianamente, soprattutto perché all’interno delle strutture vi sono persone esperte adibite al controllo di esse.
Prima del tocco della campana la Presidente del Crema Host Paola Orini ha ringraziato tutti i presenti e in modo particolare la Dott.ssa Beatrice Terni de’ Gregory per l’interessante  e lineare presentazione, molto gradita da tutti, che va a sottolineare come i Lions siano collaborativi e sinergici nei confronti della scienza.


Fotografia

Intermeeting sul Centenario Lions

Logo Lions Club Il LC Castelleone, presieduto da Dante Corbani, da un'idea nata dal Coordinatore del Centenario del Club, Luigi Manfredoni, ha dato vita ad un intermeeting dedicato a questo evento, unitamente ai Club Crema Host (Presidente Paola Orini), Soresina (Albino Gorini), Soncino (Primo Podestà), Pandino Gera D'Adda V. (Anna Fiorentini), Crema Gerundo (Amedeo Zaccaria), Crema Serenissima (Claudio Bolzoni), Pizzighettone Città Murata (Vicepresidente Agostino Zaccarini), Leo Club Crema (Debora Gritti).
Relatore d'eccezione il Coordinatore Distrettuale del Centenario Massimo Camillo Conti, che ha esordito con un appassionato ricordo di Melvin Jones, nato in Arizona, poi trasferitosi a Chicago, dove entrò a far parte del Business Circle, un gruppo di uomini d'affari, di cui divenne ben presto segretario. A questo punto, si chiese se queste persone, che godevano di successo per il loro impegno, la loro intelligenza ed ambizione, potessero mettere il loro talento e la loro intelligenza e conoscenza al servizio della comunità per migliorarne le condizioni. Dopo aver invitato delegati di molti club di tutto il Paese, si riunì con loro a Chicago per porre le fondamenta di un'organizzazione per servire i più bisognosi, per cui il 7 giugno 1917 nacque il Lions Club International. Oggi, i Soci sono più 1.350.000, presenti in più di 200 Paesi del mondo.
Nell'anno lionistico 2014/15 sono iniziate le celebrazioni per il Centenario Lions e si chiuderanno il 30 giugno di quest'anno. Lo scopo delle celebrazioni era servire almeno 100.000.000 di persone nei seguenti ambiti: giovani, ambiente, vista, fame, in seguito, diabete.
Ad oggi, sono state servite più di 227.500.000 persone: 70.000.000 (tema giovani), 70.000.000 (tema ambiente), 35.000.000 (tema vista), 50.000.000 (tema fame), 5.000.000 (tema diabete).
Cento soci Lions e Leo hanno partecipato alla serata, molto importante per il contenuto celebrativo e per la presenza del Governatore Distrettuale Giovanni Bellinzoni, del 1VDG Giovanni Fasani, del 2VDG Angelo Chiesa, del PDG Adriana Cortinovis Sangiovanni e del Presidente di Zona A Enrico Stellardi. Tutti hanno espresso parole di plauso per questo evento, che ha riunito in un'atmosfera di armonia tanti soci, i quali sono stati ampiamente ragguagliati dal relatore anche riguardo alle iniziative multidistrettuali: l'emissione di un francobollo e di una moneta commemorativi, la creazione di un leoncino della Thun, il libro “La storia Infinita”, redatto dai rappresentanti di tutti i Distretti, la partecipazione al giro d'Italia 2016/17, un premio giornalistico per articoli scritti sulle principali testate a tiratura nazionale, una regata velica in Adriatico, oltre a gadget e pin riguardanti l'evento.
A completamento della relazione, ogni club, che ha lavorato per il Centenario, ha visto la citazione della propria attività in una dimensione di apprezzamento ed orgoglio del proprio “we serve”.

Adriana Cortinovis Sangiovanni


Eventi correlati al service quadro Cavagna

Logo Lions Club Il 15 dicembre 2017 nella Cattedrale di Crema è stata presentata alla comunità la grande tela raffigurante l’Adorazione dei Magi. L’opera è firmata dal pittore bergamasco Giovan Paolo Cavagna (Bergamo, 1550 circa - 1627) ed è databile, sulla base di confronti stilistici, agli anni Novanta del Cinquecento. Il dipinto era in origine collocato nella sacrestia del Consorzio della Beata Vergine della Misericordia, edificio addossato al lato nord del Duomo, demolito nel 1935. In seguito la tela è stata conservata nella sacrestia del Capitolo dei Canonici della Cattedrale ed è ora esposta nel presbiterio. Il restauro è stato realizzato grazie al service del Centenario del Lions Club Crema Host del sodalizio 2017/2018, Presidente Paola Orini, in collaborazione con la Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona ONLUS. I lavori sono stati eseguiti dal Laboratorio di Restauro e Conservazione di Elena Dognini, Mara Pasqui e Annalisa Rebecchi con il coordinamento dell’architetto Magda Franzoni, socio del Lions Crema Host, e sotto la direzione della dott.ssa Renata Casarin, ispettore della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Cremona-Mantova-Lodi.
Giovan Paolo Cavagna opera prevalentemente a Bergamo e all’interno della diocesi orobica, e solo in rarissima occasioni, lavora al di fuori dei patri confini: a Brescia, Crema, Cremona e Treviglio.
Per conoscere meglio l’opera del pittore e comprendere l’importanza della tela cremasca, il Lions Club Crema Host in collaborazione con l’Associazione Pro Loco Crema e la Libreria Cremasca organizza due eventi:

  • Martedì 17 aprile
    Bergamo, via Pignolo 76, Museo Diocesano di Bergamo - Fondazione Adriano Bernareggi

    16,45 ritrovo all’ingresso del Museo

    17,00 visita della mostra Visioni, Apparizioni, Miracoli. La pittura di Giovan Paolo Cavagna (1550 - 1627) e la “mostruosa meraviglia”, accompagnati dal curatore dott. Simone Facchinetti

    18,00 partecipazione alla conferenza di Giovanni Gusmini Arte e persuasione ai tempi della Controriforma in margine alla quale sarà presentato il restauro del dipinto cremasco

  • Sabato 21 aprile
    Crema, piazza Duomo 27, Palazzo Vescovile, sala Rossa

    16,30 conferenza di Simone Facchinetti, Giovan Paolo Cavanga

Fotografia
Nelle foto: la prima e la seconda raffigurano il quadro la terza: arch. Magda Franzoni con le restaurarici

Collocazione del dipinto "Service Centenario"

Logo Lions Club Venerdì 23 marzo 2018, la tela dell’Adorazione del Magi di Gian Paolo Cavagna (1555 – 1627) è stata collocata sulla parete meridionale dell’abside del duomo, con l’autorizzazione della Soprintendenza di Mantova dopo un sopralluogo del Dott. Filippo Piazza, ispettore per i Beni Artistici della Provincia di Mantova, nel giorno di martedì 20 marzo.
La tela di grandi dimensioni, m. 4,20 x 3,00, - forse la migliore dell’autore bergamasco – è stata restaurata grazie a un service per l’anno del Centenario 2017/2018 del Lions Club Crema Host sotto la presidente Paola Orini. Il restauro è stato presentato alla città venerdì 15 dicembre 2017 alle ore 11,30 nella Cattedrale di S. Maria Assunta in Crema, alla presenza di S. Ecc. il vescovo mons. Daniele Gianotti, del Presidente del Capitolo e Parroco della Cattedrale don Emilio Lingiardi, del delegato vescovile delle Soprintendenze don Giuseppe Pagliari, del Presidente della Fondazione dott. Cesare Macconi, delle restauratrici Elena Dognini, Mara Pasqui, Annalisa Rebecchi, della dott.ssa Renata Casarin, funzionario della Soprintendenza per i Beni Culturali di Mantova, dell’arch. Magda Franzoni, socio del Club sempre sensibile e propositiva per il recupero dell’arte cremasca. L’architetto Franzoni ha seguito l’operazione del service del Centenario, dalla scelta del Bene Culturale alla richiesta del cospicuo finanziamento della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona a tutte le operazioni complesse che un intervento di tale portata hanno richiesto.
Dal 15 dicembre la tela è rimasta in visione nella cappella battesimale a destra dell’ingresso della Cattedrale. Tutti hanno potuto ammirarne da vicino la grande bellezza. Un’opera veramente di grande pregio per secoli rimasta nascosta nella sagrestia capitolare. Ora – dopo parecchio tempo – ha ottenuto la sua giusta collocazione e arricchisce il patrimonio artistico della chiesa madre della diocesi. L’operazione di apposizione alla parete è stata possibile per il lavoro magistrale e gratuito della ditta B&G di Roberto Ghilardi.

Fotografia
Fotografia

Fotografia

I Lions e la Cosmesi

Logo Lions Club Nell’ultimo periodo si è sentito spesso parlare di nuovi centri di produzione cosmetica, soprattutto nel territorio Cremasco, a tal proposito il giorno 21 Febbraio, il Lions Club Crema Host si è riunito per un meeting dal titolo “La Cosmesi rilancia il Cremasco”, presso il ristorante Nuovo Maosi.
Presenti alla serata, oltre alla Presidente del sodalizio Crema Host Paola Orini, il Past-Presidente dell’Associazione Industriali Cremona dott. Umberto Cabini,relatore della serata, assieme alla dott.ssa Erica Romeo e l’assistente Arwen Imperatori dell’Ancorotti Cosmetics, il Sindaco di Quintano,soci,consorti e ospiti del Club.
Durante la serata il Dott. Cabini, ha evidenziato il valore aggiunto del settore della Cosmesi nella Provincia di Cremona rispetto alle altre Province,in quanto il Polo Tecnologico della Cosmesi di Crema, nasce con l’obiettivo di sviluppare relazioni e sinergie tali da rappresentare un punto di riferimento per le Aziende operandi nella filiera della Cosmesi, che va dalla produzione di macchinari, produzione dei cosmetici, al packaging primario e al packaging secondario, in relazione a tutti i servizi a supporto delle imprese (pubblicità,marketing,fiere e formazioni). Ha inoltre ,affermato come il rapporto Addetti Cosmesi e Addetti Manufatturiero della Provincia di Cremona è più alto rispetto alle altre maggiori Province e al dato medio della Lombardia/Italia.
La responsabile commerciale dell’Ancorotti Cosmetics, ha esplicitato con una nota d’orgoglio come il 65% del make-up prodotto dalla Ancorotti Cosmetics è fatto in Italia e in particolare il 35% a Cremona, esportando l’80% del prodotto negli Stati Uniti e in Francia. Quindi i benefici del Polo Make-up in Italy, determinano lo sviluppo di linee strategiche, riconosciute a livello Internazionale, proprio per questo è auspicabile un’attenzione di Governance sul territorio Cremasco, e nella fattispecie l’esigenza di avvalorare percorsi formativi universitari nel settore della cosmetologia e meccatronica, unitamente ai percorsi con indirizzo informatico.
Tale argomentazione ha suscitato interesse e scambio di opinioni tra tutti i presenti.
Prima del tocco della campana la Presidente Orini ha ringraziato i relatori della serata e i presenti, ma in modo particolare ha rivolto un ringraziamento al socio Ingegnere Villa, per essere stato il promotore di questa conviviale.


Fotografia

Serata con il Direttore A.S.S.T. Crema

Logo Lions Club Il secondo appuntamento dell’attività programmatica 2018 del Lions Club Crema Host, è stato dedicato al tema: “La sanità dietro le quinte”, il giorno 9 Febbraio presso il Ristorante Nuovo Maosi.
Ospite e relatore della serata il Direttore della A.S.S.T Crema, Dott. Luigi Ablondi, con la partecipazione del Dott. Michele Gennuso Assessore alla Welfare, nonché vice Sindaco del Comune di Crema, del Dott Filiberto Fayer e del Dott. Alberto Agosti,rispettivamente , responsabile del reparto senologia e Direttore Ortopedia dell’A.S.S.T di Crema.
Con questo incontro, il Lions Crema Host, vuole essere catalizzatore e fautore nella conoscenza delle varie realtà presenti nel tessuto cittadino.
Il relatore della serata, Dott. Luigi Ablondi, vanta una lunga esperienza nel settore sanitario ,amministrativo e manageriale, infatti da recente è stato nominato miglior Manager della Sanità Regionale, per aver ottemperato e raggiunto diversi obiettivi che spaziano dalla “salute” del bilancio, ai tempi di attesa, passando per il numero di prestazioni fornite in rapporto al bacino servito. Nel corso della serata ha presentato l’assetto organizzativo della struttura complessa Azienda A.S.S.T di Crema, sottolineando che essa ha le stesse caratteristiche di un’azienda manifatturiera, con una organizzazione piramidale, ma nello stesso tempo con un modello orizzontale, in quanto essa si muove secondo le direttive regionali, e in linea guida al Sistema Sanitario Nazionale per far sì che il modello organizzativo, possa soddisfare non solo elementi amministrativi, ma soprattutto di benessere e di salute per i cittadini. L’A.S.S.T di Crema ha 1500 dipendenti, più circa 300 operatori applicati a servizi esterni e in convenzione. Naturalmente di norma, le aziende, per raggiungere gli obiettivi eccellenti, devono confrontarsi continuamente con il tessuto sociale, associazioni esterne, istituzioni e fornitori, necessari per creare una rete che esprime benessere sotto tutti i punti di vista.
Prima di chiudere il suo intervento, il Dott. Ablondi, si è soffermato sul percorso di presa in carico, dei “pazienti cronici “che garantirà una nuova opportunità e vantaggi.
Una serata ricca di interventi da parte di tutti gli ospiti, e soci presenti, per sottolineare che la medicina è una attività che penetra in un determinato tessuto sociale/ambientale
La Presidente del Crema Host Paola Orini, ha ringraziato tutti i presenti, in particolare il Dott. Ablondi, per aver ottimizzato in maniera esaustiva tutti i dettagli e gli aspetti della “nostra” sanità cremasca vista da dietro le quinte, con una nota di orgoglio per l’eccellenza raggiunta e per il valore che il Manager, insieme a tutta la struttura con fattore umano competente e professionale, in una solida cultura sanitaria, ha favorito e favorisce comportamenti virtuosi per la salute di ognuno di noi.


Fotografia

Service del Centenario

Logo Lions Club Il restauro della tela “Adorazione dei Magi” di Gian Paolo Cavagna, bergamasco, da giovane allievo nella “stanza” di Tiziano, di grande eclettismo, come dimostra il suo avvicinamento ai modi del bergamasco Giambattista Moroni dei bresciani Savoldo e Moretto e del cremonese Campi, rappresenta il service del Centenario del LC Crema Host, presieduto da Paola Orini, realizzato nell'anno del suo sessantesimo anno di vita. L'idea di questo recupero artistico è nata durante la precedente annata lionistica (P Riccardo Murabito) ed ha rappresentato uno degli eventi più significativi per la vita del Club, che ha voluto donare a Crema una tela che, letta nella sua reale dimensione artistica e culturale, arricchisce la nostra città ed in particolare la Cattedrale, di un capolavoro d'arte sacra prezioso, prestigioso ed altamente significativo.
Questa “lunetta” , collocabile intorno ai primi anni 90 del '500, con cornice antica di m. 4,20 x 3,00, è stata restaurata sotto la guida attenta, infaticabile ed altamente professionale dell'arch. Magda Franzoni, socia del Crema Host, che ha seguito pedissequamente il lavoro, eseguito e curato con dedizione ed alta professionalità dalle restauratrici Elena Dognini, Mara Pasqui ed Annalisa Rebecchi; fondamentale anche il suo ruolo determinante per ottenere il finanziamento della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona, che ha collaborato con il Club per la realizzazione dell'opera. L'inaugurazione è avvenuta alla presenza di S.E. Il Vescovo di Crema mons. Daniele Gianotti, del Presidente del Capitolo della Cattedrale, don Emilio Lingiardi, del Presidente della Commissione Arte Sacra don Giuseppe Pagliari, del Presidente della Fondazione Comunitaria di Cremona, dott. Cesare Maccone e della dott. Renata Casarin, Funzionaria della Soprintendenza Archeologica delle Belle Arti e Paesaggio di Mantova-Cremona-Lodi, che ha illustrato con dovizia di particolari questa “Adorazione”: essa ricorda la pittura dei Bassano e di Paolo Veronese, soprattutto nella preziosa resa degli abiti dei Magi, dei figuranti del corteo e nell'allungarsi innaturale delle proporzioni dei cavalli e dei dromedari in secondo e terzo piano.
I raffinati cromatismi, studiati per far rilucere gli accordi di giallo oro, ocra rossa e verde scuro, connotano gli abiti della Madonna (con veste rossa), di S. Giuseppe, ormai vecchio, che osserva la scena del corteo dei Magi (vesti di colori luminosi). Particolare significativo: Gesù Bambino osserva curioso lo scrigno dei doni, mentre un paggio sostiene la corona del Mago inginocchiato. Il restauro ha richiesto molto tempo ed ha impegnato parecchie persone, sia per lo studio di fattibilità, sia per la creazione di un piano appositamente preparato in laboratorio su cui adagiare delicatamente il dipinto, precedentemente arrotolato su un tubo di cm. 40 di diametro, per evitare frantumazioni della pellicola pittorica.
Vista la preziosa raffinatezza del quadro, molto imponente e prezioso, autentica epifania del divino, l'arch. Magda Franzoni ha ottenuto dal Soprintendente dott. Gabriele Barucca, Responsabile dell'Istruttoria e dalla citata dott. Renata Casarin, la collocazione del dipinto, olio su tela della fine del se. XVI, sulla parete meridionale del coro della Cattedrale S. Maria Assunta di Crema. Questo traguardo rappresenta l'espressione e la concretizzazione dello sforzo di un club che, con l'impegno diretto e consapevole, ha contribuito alla restituzione di una straordinaria opera d'arte fruibile da tutta la città.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia
Fotografia

Fotografia

Presentazione dei Services del L.C. Crema Host al Governatore

Logo Lions Club Una serata ricca di Lionismo e gratificazione, avvenuta il giorno 10 Novembre 2017, presso il Ristorante Nuovo Maosi. Il Lions Club Crema Host unitamente al Club Leo si sono riuniti per il consueto meeting visita del Governatore, durante la quale è avvenuta la consegna del premio Melvin Jones a uno dei soci del Club.
Presenti alla serata il Governatore Distretto 108 Ib3 Giovanni Bellinzoni, e il DGTeam, soci lions,leo e familiari.
Prima della conviviale si è svolta l’assemblea del Consiglio Direttivo, alla presenza degli Officer Distrettuali, nel quale è stata presentata la situazione del Crema Host e del Leo Crema, e sono state presentate le attività/services che verranno svolti durante questo sodalizio 2017/2018, tra i principali: Service dedicato al recupero del Patrimonio Artistico, tela “Adorazione dei Magi” del 1500 del Pittore Cavagna, che verrà collocata nella navata centrale della cattedrale del Duomo di Crema. Inoltre tale dipinto, verrà riprodotto sui biglietti augurali che il Vescovo della diocesi di Crema utilizzerà per gli Auguri di Natale.
Per quanto riguarda l’area tematica “ambiente”, verrà proseguito il Service “Orti a Scuola”, iniziato nel sodalizio precedente. Per l’area tematica “giovani” Service Concorso Poster per la Pace, mentre per le aree tematiche fame-vista-diabete-cancro pediatrico, verranno attivate manifestazioni pubbliche in sinergia con il territorio con raccolta fondi.
Al centro della serata vi è stata, da parte del Governatore Distrettuale Giovanni Bellinzoni, la consegna del Premio Melvin Jones, la più alta onorificenza per un Lion, oltre che allo scambio della pin(spilla) al Past-Presidente Riccardo Murabito, per la sua dedizione e passione, cardini del sodalizio 2016/2017, nel quale è stato Presidente del Club. Il Governatore ha infatti voluto sottolineare come il Club Crema Host, abbia centrato in pieno tutti i temi fondamentali del Centenario (fame-vista-ambiente-giovani), ricordando alcune attività svolte dallo stesso Club, a supporto della Città di Crema e non solo, in un’armoniosa condivisione sinergica dei soci.
Durante la serata, il Governatore ha inoltre premiato alcuni soci del Club, per la loro appartenenza alla vita Lions.
Inoltre si è complimentato con il Leo Club Crema, poiché durante il sodalizio 2016/2017 , è stato riconosciuto tra i 30 Leo Club più prolifici al Mondo e tra i primi 5 in Italia.


Fotografia

Presentazione libro sulla Sardegna

Logo Lions Club Il secondo appuntamento dell’attività Lionistica del Crema Host, è avvenuto Giovedì 12 ottobre 2017, presso il Ristorante Maosi, per il consueto meeting dedicato alla cultura, durante il quale è stato presentato il libro di Maria Rita Serra, figlia del Socio Serra , dal titolo: “Sardegna : la terra dei giganti e delle fate, per grandi e piccini”.
Preziosa la partecipazione amichevole di Don Emilio Lingiardi, della Prof.ssa Daniela Ronchetti, supervisore dell’opera, assieme all’autrice, la quale durante la serata, ha introdotto il suo scritto, realizzato grazie ai suoi viaggi compiuti nell’isola sarda, definendo la Sardegna un luogo favoloso, tutto da scoprire, presentando gli stessi luoghi, con fotografie e musiche di Bennato, Tazenda e Renga, tale da creare un modo nuovo di proporre una presentazione di un libro, per far nascere la curiosità alla lettura.
Oltre all’autrice, anche il Presidente della Fondazione San Domenico di Crema Ing. Giuseppe Strada, assieme al Direttore Artistico Dott.Ugo Ungaro ,alla Responsabile Comunicazione Fondazione Dott.ssa Roberta Ruffoni, i quali hanno presentato l’attività intensa definita “Intrecci”, di teatro, danza e musica, ribadendo grandi progetti futuri che ci saranno per far accrescere la realtà culturale e il valore aggiunto del Teatro San Domenico, in un ambito Nazionale e Internazionale, volto ad una sinergia di collaborazioni tra Istituzioni.
Una conviviale carica di intensa armonia Culturale, coronata dall’espressione poetica dei “Cuntastorie ” (coniugi Maestri-Casalini) e dai ringraziamenti finali della Presidente del Crema Host, agli ospiti e ai soci, per la gradevole conviviale interattività avvenuta durante la serata.

Fotografia


Fotografia

Presentazione Service

Logo Lions Club Nell’ambito dell’attività Lionistica e dopo la pausa estiva, il Lions Club Crema Host, presieduto da Paola Orini, ha inaugurato il sodalizio 2017/2018, con il tradizionale meeting dedicato all’assemblea soci per l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo.
La Presidente Orini ha delineato le attività di servizio in continuità con i temi del precedente anno: Fame-Vista-Ambiente-Giovani e il nuovo tema Prevenzione Malattie Pediatriche. Si è soffermata in particolare sul Service del Centenario, già iniziato, che troverà realizzazione finale nel mese di Dicembre, in quanto trattasi del restauro della tela Adorazione dei magi (m. 4,00 x 2,80, tela centinata con cornice dorata) realizzata dal pittore Gian Paolo Cavagna (XVI-XVII).
L’architetto Magda Franzoni, curatrice competente del service, ha spiegato tutti gli aspetti tecnici e artistici di questo patrimonio artistico di proprietà della Diocesi di Crema e precisamente della Cattedrale.
Il meeting si è concluso con la soddisfazione unanime di tutti gli intervenuti, e la gioia nell’iniziare un nuovo sodalizio con la voglia di fare nell’ambito del We Serve!

Fotografia



Tornate alla Home Page
Tornate all'Home Page