Lions Club Crema Serenissima

Lions Club Crema Serenissima

Anno Sociale 2018-2019


Service cittadinanza umanitaria e cultura Lions Day 2019

Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Service cittadinanza umanitaria e cultura Lions Day 2019

Importante service per la Scuola Primaria di Borgo S. Pietro a Crema effettuato dal Comitato ‘Cittadinanza Umanitaria Attiva’, coordinato dal PDG Adriana Cortinovis Sangiovanni, da quello ‘Cultura ed Arte’, coordinato dal PDG Laura De Mattè Premoli e dal Presidente della Zona A della 3^ Circoscrizione del Distretto Lions 108 Ib3 Alberto Zambelli. Il Lions Day è stato festeggiato direttamente nella classe IV C con gli alunni, che hanno ricevuto in dono dei libri per il progetto Lions ‘Dona un libro, donerai un Amico’. La docente Leda Carraro ha espresso tutta la gratitudine della Scuola per un omaggio di cultura che, ha sottolineato, “arricchisce la mente, insegna a superare le barriere culturali ed apre a prospettive sempre più ampie; solo così possiamo affermare le nostre potenzialità, acquisire la consapevolezza che siamo tutti uguali come ‘persone’ e, come tali, dobbiamo essere generosi e disponibili verso tutti”. Si è trattato di un momento molto sentito dai bambini, che si sono sentiti molto gratificati, non solo dai doni, ma anche dall’alta lezione educativa che ne è scaturita. Questo service è stato realizzato in collaborazione con il Comitato Biblions, con sede a Pavia, coordinato da Anna Maria Mariani Bottiroli, che ha generosamente fornito numerosissimi ed interessanti libri distribuiti, non solo ai ragazzi, ma anche ai Lions Club Crema Host, Gerundo, Serenissima, Soncino, Castelleone, Pandino il Castello e Leo Club Crema, affinché li donassero gratuitamente alla gente che si avvicinava ai loro gazebi allestiti nelle piazze il 7 maggio, Lions Day.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"I lions della città e il Pastore della Diocesi"

Come da tradizione, anche in questo sodalizio 2018/2019 tutti i Lions Club della città ( Club Crema Host, Crema Serenissima, Crema Gerundo, e Leo Crema) si sono riuniti per il consueto intermeeting con il Vescovo Mons. Daniele Gianotti, prima in un momento di spiritualità con la Santa Messa celebrata dal Pastore della Diocesi, nel gioiello architettonico chiesa San Giovanni Battista affrescata da Giacomo Barbelli nel 1636, e a seguire, unitamente al Vescovo, i Soci e gli Officer Distrettuali si sono recati presso il Ristorante Nuovo Maosi, per arricchirsi del contributo sul tema “Emigrazione”. Presenti alla Conviviale, oltre al Vescovo, il Vice Presidente del Crema Host Pierfranco Campari (per assenza momentanea del Presidente Franco Maestri), la Presidente del Serenissima Elda Zucchi, la Presidente del Gerundo Roberta Iacobone, la Presidente dei Leo Cristina Nigrotti, i Past Governatori Franco Marchesani, candidato alla carica di Direttore Internazionale per il triennio 2019/2021 e Adriana Cortinovis, il Coordinatore SOSAN Riccardo Murabito, il Presidente di Zona Alberto Zambelli, soci e ospiti dei Club.Il Vescovo Mons. Gianotti ha affrontato il tema della serata, riguardante l’emigrazione, soffermandosi sulla necessità di avvalorare il concetto di fratellanza e di unione dei popoli auspicato da Papa Francesco, al fine di condurre alla ricerca umana in ognuno di noi, di un’accoglienza aperta, e non miope e disumana. A tal fine ha fatto riferimento a una lettera Apostolica di Papa San Paolo VI, nella quale affronta il tema della questione dell’emigrazione, già all’epoca molto grave. In conclusione del suo discorso, il Pastore della Città, ha ripreso il Vangelo letto durante la Santa messa, sottolineando che tutto ciò che è creato da Dio, necessità rispetto, riconoscenza e soprattutto amore. Il tocco della campana ha dato fine alla sinergica azione dei Club Lions della Città.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Intermeeting L.C. Crema Serenissima e L.C. Castelleone: Visita del Governatore

Con molta soddisfazione, amicizia e cordialità, la presidente del LC Crema Serenissima, Elda Zucchi ed il presidente del LC Castelleone, Paolo Doldi, hanno aperto la serata dedicata alla presentazione dei services del Club al Governatore Giovanni Fasani, al 2 Vice Governatore Cesare Senzalari, al Segretario distrettuale Giorgio Bianchi ed al Presidente di Zona Alberto Zambelli. La visita è stata l'occasione per riflettere, crescere ed analizzare nuovi modi di fare servizio e di vivere la vita associativa. Proprio in quest'ottica, i Club hanno dimostrato di riservare molta attenzione al territorio, soprattutto con services mirati ai giovani ed agli anziani (Libro Parlato). Proprio nei giorni precedenti, hanno partecipato al convegno distrettuale “INTERconNETtiamoci”, finalizzato ad evidenziare ai ragazzi il pericolo della navigazione in rete. L'attenzione al problema della vista, con la raccolta degli occhiali usati e lo screening oculistico dei bambini saranno l'occasione perchè i Soci possano incontrare la popolazione, mettendo al servizio le proprie competenze e professionalità in risposta alle sollecitazioni ricevute dal territorio. La scuola, per entrambi i Club, assume un ruolo importante: saranno assegnate borse di studio a studenti meritevoli e saranno offerti attrezzature e libri rispettivamente alla scuola di musica “Folcioni”di Crema ed all’IC “Sentati” di Castelleone. Nel prosieguo dell’anno, saranno offerti contributi all’Associazione “Cani guida” di Limbiate ed alla Fondazione Internazionale LCIF. Da parte sua, il Governatore si è complimentato per l'attività ricca, dinamica, armonica e caratterizzata da una progettualità attenta, attuabile con il coinvolgimento di tutti i Soci. A conclusione della serata, il DG Fasani ha consegnato un riconoscimento per i 10 anni di appartenenza a Maria Antonietta Porro ed a don Emilio Lingiardi, per i 20 anni a Lodovica Benelli e Claude Hazan del LC Crema Serenissima, per i 40 anni a Luigi Rinaldi del LC Castelleone.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

"INTERconNETtiamoci... ma con la testa"

Adriana Cortinovis Sangiovanni, Coordinatrice dei Comitati Comunicazione Esterna ed Interna e Cittadinanza Umanitaria Attiva del Distretto Lions 108 Ib3, che comprende le provincie di Cremona, Lodi, Pavia e Piacenza, unitamente a Laura De Mattè Premoli, Coordinatrice del Comitato Cultura ed Arte dello stesso Distretto, hanno organizzato l’importante Convegno “INTERconNETtiamoci ...ma con la testa”, con relatore l’ing. Piero Fontana. I ragazzi presenti, con molto anticipo, rispetto alla loro età, hanno potuto sperimentare una lectio magistralis, grazie alla generosa disponibilità e collaborazione di Unicrema, libera Università per Adulti, che ha concesso l’uso gratuito dell’Aula Magna e delle strumentazioni, grazie al prof. Vincenzo Cappelli, presidente di Unicrema e della Proloco che, anche a nome del prof. Don Marco Lunghi, direttore dei Corsi, ha espresso la propria soddisfazione per la collaborazione ad un evento così significativo per i ragazzi e per tutta la cittadinanza.
Naturalmente, per dar vita ad un evento di queste proporzioni, un grazie particolare è andato al Banco Popolare per il Territorio, nella figura del Presidente, dott. Giorgio Olmo e del Consigliere, rag. Nino Caizzi, che ha identificato l’apertura e la sensibilità di sempre dell’Istituto bancario ad iniziative di carattere culturale ed umanitario a favore della cittadinanza. Altri due sponsors sono stati: Nichetti Autotrasporti di Chieve e Vivaio-Fiori di Giovanni Pizzamiglio di Spino D’Adda.
E' stata una giornata particolarmente importante, perché ha visto moltissimi adulti e ragazzi presenti, per ascoltare, imparare, affrontare uno dei problemi che maggiormente caratterizzano la nostra quotidianità: i rischi che corrono i giovani attraverso la navigazione in rete.
Però non si è trattato di identificare solo i pericoli, ma anche e, soprattutto, conoscere le strategie per evitarli.
Ecco perché numerosissimi sono stati i ragazzi, più di 200, presenti grazie alla sensibilità ed alla lungimiranza dei Dirigenti Scolastici che hanno aderito all’iniziativa. La Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Rita Levi Montalcini” di Bagnolo, Vaiano, Monte e Chieve, prof. Paola Orini, ha espresso, anche a nome della Dirigente dell’Istituto Comprensivo “P. Sentati” di Castelleone, Vilma Stradiotti, la propria soddisfazione per essere concretamente vicini alle esigenze di una società che cambia con soluzioni ed interventi informativi e preventivi. Era presente anche il Dirigente Scolastico del plesso Crema 2, prof. Pietro Bacecchi, oltre a molti adulti, genitori, nonni, insegnanti e persone che vivono quotidianamente in rapporto con i giovanissimi.
Il merito di questo Convegno è stato quello che, nonostante le apparenti difficoltà di dialogo, ha visto riunite varie generazioni per un utile e costruttivo confronto.
La giornata è stata aperta secondo il consueto cerimoniale Lions, con l’ingresso delle bandiere, accompagnate dall’inno nazionale islandese, in onore della Presidente Internazionale Gudrun Yngvadottir, quella europea accompagnata dall’”Inno alla gioia” e quella italiana, accompagnata dall’Inno italiano e portate, rispettivamente, da due alunni dell’Istituto Comprensivo di Bagnolo e dal Segretario del LC Castelleone Luigi Manfredoni.
Dopo la lettura delle finalità del Lions Club International, che “mira a partecipare attivamente al bene civico, culturale, sociale e morale della comunità” e ad “unire i club con vincoli di amicizia, fratellanza e comprensione reciproca”, sono stati salutati i graditissimi ospiti: il Governatore Distrettuale Giovanni FASANI, l’Immediato Past Governatore Giovanni Bellinzoni, il 1 Vice Governatore Distrettuale Angelo Chiesa, il Past Governatore Franco Marchesani, il GMT Moreno Poggioli, Il Segretario Distrettuale Giorgio Bianchi, il Presidente della Zona A della III^ Circoscrizione Alberto Zambelli, molti Officers distrettuali ed i Presidenti del LC Crema Host Francesco Maestri, del LC Soncino Gianfranco Vailati, del LC Crema Serenissima Elda Zucchi, del LC Castelleone (rappresentato da Luigi Manfredoni), del LC Pandino il Castello (rappresentato da Mariarosa ed Enrico Stellardi), del LC Lodi Europea Laura De Mattè Premoli, del LC Lomellina Riva del Po Mariarosa Morandi Moncalieri, del LC Bettola Val Nure Romeo Albertelli, oltre a numerosi soci ed Officers Distrettuali, tra cui Evelina Fabiani e Magda Franzoni, componenti dei tre Comitati organizzatori.
L’Assessore alla Cultura Emanuela Nichetti è intervenuta a sottolineare l’importanza di un intervento formativo di alto livello come questo per arginare molte devianze ed errate sollecitazioni a cui sono soggetti i giovani di oggi.
Anche i Sindaci di Monte Cremasco, avv. Giuseppe Lupo Stanghellini e di Vaiano Cremasco, dott. Paolo Molaschi, hanno espresso il loro apprezzamento e la loro vicinanza ad un evento che ha coinvolto molti ragazzi della propria comunità.
Un sentito riconoscimento è stato indirizzato anche agli iscritti dell’Unicrema, sempre presenti e partecipi ad iniziative che interessano il territorio.
Ha preso, poi, la parola l’ing. Piero Fontana, Colonnello del Corpo degli Ingegneri dell’Esercito, attualmente in servizio a Roma come Capo della Divisione “Sistemi Informatici” della Direzione per l’Informatica, la Telematica e le Tecnologie Avanzate del Ministero della Difesa. E’ un lions, socio del LC Cecina (Livorno) e membro dell’International Information Security System Certification Consortium, una delle più importanti Associazioni che, nel mondo, promuovono la conoscenza, la formazione e lo sviluppo nel campo della Sicurezza. In tale Associazione, è membro del Gruppo di Lavoro sull’Educazione alla Sicurezza Informatica, che lavora su vari temi di sensibilizzazione, consapevolezza e coinvolgimento nelle Scuole Primarie e Secondarie.
L’ing. Fontana ha identificato un grave problema: la navigazione in rete è fonte di rischi, ma non tutti, ragazzi ed adulti, ne hanno piena cognizione. Internet rappresenta, fin dalla sua nascita, il regno della libertà, ma ci si dimentica di precisare che si tratta di una libertà molto più ampia di quelle finora conosciute, non soltanto perché fa uso di una tecnologia molto potente, ma anche perché, in gran parte, è rimessa all’arbitrio di chi la esercita e, di conseguenza risulta molto più pericolosa per i diritti altrui. Dopo un excursus sulla velocità con cui si è evoluta la tecnologia, il relatore ha spiegato che, proprio per questo, si sono trovati, in gran parte, impreparati i genitori, i nonni, gli insegnanti e gli adulti che, da sempre, hanno, invece, svolto un ruolo fondamentale nell’educazione e nella crescita dei minori. Ecco perché è necessario conoscere bene le regole dei programmi che si usano sul PC, sugli smartphone e tablet, mantenere aggiornate le difese dei mezzi informatici, usare solo software provenienti da fonti sicure e curare la privacy nei Social Network. Con un approccio improntato ad una simpatica interazione con gli studenti, il relatore, con slides interessanti e di impatto immediato, ha invitato a selezionare bene i contatti con i quali scambiare informazioni, foto e video, a riflettere bene prima di postare foto, video, o solo pensieri, ad usare password criptate e non da condividersi, a comportarsi come è auspicabile, rispettando gli altri. E’ inoltre importante segnalare abusi e, se necessario, chiedere aiuto.
Cosa non fare? Rispondere a messaggi “imbarazzanti”, fissare appuntamenti con persone conosciute sulla Rete, fornire informazioni personali, aprire allegati di mail provenienti da fonti non sicure, scaricare musica e programmi illegalmente e fornire indicazioni su dove siamo e cosa facciamo in ogni istante, al fine di prevenire guai seri.
Il Governatore Distrettuale Giovanni Fasani, nell’esprimere la propria soddisfazione per questo intervento, improntato all’acquisizione di norme fondate sul rispetto dei principi improntati alla prudenza, alla discrezione ed alla riservatezza, per un uso consapevole e responsabile della Rete da parte di giovani ed adulti, si è complimentato per questo intervento fattivo, organico e completo, che ha aperto nuovi orizzonti di comportamento. Non per niente, “INTERconNETtiamoci...ma con la testa” verrà proposto come Service Nazionale al Congresso Nazionale Lions di Montecatini Terme.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Grande successo per la riunione di Zona A III Circoscrizione Distretto 108 Ib3

Il giorno 29-11-2018, presso il ristorante “Ad Convivium” di Pandino, si è svolta la II^ riunione della Zona A della III^ Circoscrizione, Distretto 108 Ib3, dedicata alla formazione, dal titolo “Per saperne di più...”, finalizzata a chiarire dubbi ed incertezze emersi durante la precedente riunione e ad approfondire argomenti di carattere lionistico.
Con grande soddisfazione del Presidente di Zona Alberto Zambelli e dei relatori, erano presenti 50 persone a rappresentare tutti i club lions e leo della Zona e precisamente: LC Crema Host, LC Soncino, LC Pandino Gera D’Adda Viscontea, LC Crema Gerundo, LC Crema Serenissima, LC Castelleone, LC Pandino il Castello, Leo Club Crema.
L’incontro si è svolto in modo interattivo: ai convenuti è stato consegnato un foglio su cui proporre domande rivolte ai relatori, domande che, poi, sono state smistate in base alle competenze di ciascuno.
Ha preso per primo la parola Massimo Camillo Conti, Coordinatore della Convention Milano 2019, che ha identificato l’entità delle quote che ogni socio partecipante pagherà. Il nostro distretto, al momento, ha circa 100 volontari, si spera che possano arrivare almeno a 140. Ha poi sollecitato la prenotazione dei banner da esporre da parte di ogni club durante l’evento.
Fausto Casarin, Responsabile GLT, alla domanda su come superare la distanza fra “vertici e base”, ha ribadito che, in ambito lionistico, “i vertici non ci sono, perchè siamo tutti uguali” ; comunque, per entrare nel cuore delle problematiche, è opportuno frequentare i Gabinetti distrettuali ed i Congressi, avere lo spirito di squadra, sapersi rapportare con gli altri, coinvolgere tutti “per far uscire quelle persone che sono più timide a parlare”. Andare in piazza, avvicinarsi alle persone, farci conoscere dalla gente, lavorare insieme con i Leo, creare intermeeting sono presupposti fondamentali per la via del successo. Dopo una breve storia del lionismo dalla sua nascita, Casarin ha proposto quattro punti imprescindibili per realizzare la nostra Mission: integrità, responsabilità, lavoro di équipe ed eccellenza.
Moreno Poggioli, Responsabile GMT, ha invitato ad occuparsi della retention, a far entrare nuovi soci ed a creare nuovi club, anche satelliti e di scopo. Anche i Leo devono essere stimolati ad entrare nei Lions, una volta raggiunta l’età: ecco perché devono essere coinvolti alla pari ed assumersi le loro responsabilità. Ha proposto una mappatura dei soci: gli uomini sono in maggioranza, mentre le donne si attestano al 40%, facendo sì che il nostro distretto risulti secondo su 17 come presenza dell’elemento femminile. Come scegliere i soci? Analizzando il socio ideale che risulti in sintonia con il club in cui entrerà, prevedere se sarà in grado di amalgamarsi con i soci esistenti, coinvolgerlo, stabilire una rotazione degli incarichi ed instaurare un clima di coesione fra le varie età dei soci. E’, inoltre, necessario offrire motivazioni ai soci silenti. Conclude affermando che il metodo ottimale per la retention è motivare i soci al rispetto delle regole lionistiche.
Il PDG Franco Rasi, Responsabile GST, ha affermato che “il service è la chiave di svolta del lionismo”. I Lions, che sono una delle 336.000 associazioni al mondo, se diminuiscono dal punto di vista numerico, significa che “c’è qualcosa che non va nei service. Come li gestite? Come li portate avanti? 70 anni fa c’era una forma di lionismo che accontentava solo la media ed alta borghesia, che ora non ci sono più…. Se non ci evolviamo, siamo destinati a soccombere. E’ cambiato il mondo, quindi, anche il Lions deve cambiare: i services non devono più avere il carattere elemosinale del passato, ma essere un mezzo e non un fine”; abbiamo perciò la necessità di adattare il nostro lionismo alla nuova realtà. Il service deve essere condiviso, non rispecchiare solo la volontà di un singolo e va affrontato nel rispetto delle regole. Il PDG ha concluso con l’auspicio che la vita lionistica sia improntata a serenità, tranquillità e gioia di vivere insieme.
La riunione si è svolta in un clima di interazione e di proficuo confronto dialettico. Un successo.

Adriana Cortinovis Sangiovanni
Coordinatore Comunicazione Esterna ed Interna Distretto 108 Ib3

Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Intermeeting L.C. Crema Serenissima e Castelleone: Festa Auguri di solidarietà

L’atmosfera gioiosa del Natale, che ha pervaso tutta la serata dedicata allo scambio degli auguri, ha accompagnato i soci del LC Crema Serenissima, presieduto da Elda Zucchi e del LC Castelleone, presieduto da Paolo Doldi, nel loro cammino di servizio, teso ad alleviare le sofferenze di chi soffre: la tradizionale festa degli auguri ha rappresentato un'occasione di solidarietà, resa possibile da una sottoscrizione con numerosissimi premi, finalizzata ad aiutare l’Associazione Cani Guida per i non vedenti e l’Associazione Libro Parlato Lions. La serata si è aperta con l’assegnazione della Melvin Jones Fellow, massima onorificenza lionistica, alla socia del LC Crema Serenissima Maria Silvana Bonizzi Ruffoni, per la sua instancabile opera come tesoriera del sodalizio e come promotrice attiva di services. Accanto alla Presidente Zucchi, hanno conferito l’ambito riconoscimento il past Governatore Adriana Cortinovis Sangiovanni ed il Primo Vicegovernatore Angelo Chiesa, che si sono complimentati con la premiata, socia di alto spessore lionistico. Ospite importante è stato anche il professore di Musica Enrico Tansini che, oltre alla sua attività di docente e di concertista, ha creato un coro costituito da residenti nella Casa di Riposo “Camillo Lucchi” di Crema: il risultato è stato un concerto di canti natalizi all’Auditorium Manenti di Crema, che ha riscosso ampio successo ed ha visto tra gli sponsor il LC Crema Serenissima. Il presidente del LC Castelleone, Paolo Doldi ha presentato il principale service del suo Club: la sponsorizzazione del volumetto intitolato “Onorata Rodiani”, scritto da Ersilia Feraboli ed illustrato da Anna Clerici, nell'ambito del progetto di Cittadinanza Umanitaria Attiva; si tratta di una fiaba destinata a bambini ed adulti, che propone la vita di una donna-eroina castelleonese, che diede la vita per la difesa della sua terra. Doldi ne ha poi fatto dono agli intervenuti, come anteprima, in attesa della presentazione ufficiale. Nel porgere gli auguri ai soci, al Presidente di Zona Alberto Zambelli ed ai numerosi Officers presenti, il Primo Vicegovernatore Angelo Chiesa ha concluso: “E' stata una bella serata; io mi sono divertito e, se tutti i presenti hanno provato la stessa cosa, significa che il mio scopo è stato raggiunto: sorridere e volersi bene, per un attimo uscire dalla quotidianità e lietamente servire”.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Intermeeting L.C. Crema Serenissima e L.C. Castelleone

Un ricordo di una tradizione molto sentita nel nostro territorio: la festa di S. Martino. I LLCC Crema Serenissima e Castelleone, presieduti rispettivamente da Elda Zucchi e Paolo Doldi, hanno rivissuto il calore di una ricorrenza che si lega al patrimonio di esperienza contadina e religiosa tipica della nostra zona. “Sanmartino” era sinonimo di trasmigrazione dei braccianti agricoli che, a conclusione del contratto agrario, proprio l’11 novembre, si trasferivano con la famiglia da una cascina ad un’ altra della nostra campagna, in vista della prossima stagione lavorativa. Questa data, come ha sottolineato Elda Zucchi, coincide con la sepoltura del santo, la cui agiografia è stata tracciata con l’ausilio di immagini pittoriche riguardanti i suoi viaggi ed il suo evergetismo nei confronti dei più poveri e deboli. L’aspetto più puramente tecnico del “sanmartino” è stato proposto dal relatore, il geom. Gianvittorio Gallini che, occupandosi di costruzioni agricole e problemi connessi, ha illustrato le modalità di trasferimento delle famiglie, i problemi incontrati nel lasciare la propria casa e nella presa di possesso di un’altra, con le relative difficoltà di ordine pratico, economico ed affettivo. La serata è stata caratterizzata anche da un momento di grande rivalutazione del patrimonio dialettale cremasco attraverso la recita, commossa e partecipata, di poesie da parte di Emi Peletti, Lina Casalini e Franco Maestri, presente, in qualità di Presidente del LC Crema Host, unitamente al Past Governatore Adriana Cortinovis Sangiovanni, al Presidente di Zona Alberto Zambelli, la Presidente del LC Pandino Gera D’Adda Viscontea Anna Fiorentini, Walter Ruffoni ed altri Officers Distrettuali.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Spedizione occhiali usati

Spedizione occhiali usati con la collaborazione del Direttore delle Poste Italiane di Crema ,unitamente alla referente Elda Zucchi sono stati inviati 90 kg di occhiali usati al centro di Chivasso.
Si ringraziano i L.C. Crema Host, Crema Serenissima, Castelleone, Soncino, Cremona Duomo e Stradivari.
Un particolare ringraziamento al Presidente della Associazione Diabetici del Territorio Cremasco per la sinergica condivisone fattiva.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

I Lions del Crema Host del Crema Serenissima e del Soncino sulla pediatria ospedaliera di secondo livello

Venerdi 19 Ottobre si è svolto, presso il Ristorante Nuovo Maosi, l’intermeeting dei Lions Clubs Crema Host, Crema Serenissima e Soncino dal tema “Il ruolo della Pediatria Ospedaliera di secondo livello, all’interno della Rete di assistenza delle malattie croniche, quali il Diabete e le Malattie Tumorali”>>>>>> I Clubs rappresentati dai numerosissimi soci intervenuti e dai relativi presidenti Franco Maestri, Elda Zucchi (sostituita da Massimo Sanella) e Gianfranco Vailati, hanno ospitato il relatore della serata : il Dr. Emilio Canidio – Primario del Reparto di Pediatria dell’Ospedale Maggiore di Crema, una persona carismatica e di grande talento.
Soffermandosi sull’opportunità del dialogo sinergico Diabete e Cancro Pediatrico, temi affrontati nella serata, come da linee guida internazionali.
Il Dr. Canidio ha introdotto l’argomento, definendo la Pediatria come la Medicina Generale del bambino curato nella sua interezza, non guardando solo all’aspetto del corpo, ma anche a quello psicologico e relazionale. Cercando di coadiuvare gli aspetti anche più delicati del rapporto bimbo/famiglia/struttura ospedaliera. Importante è fare in modo che i genitori collaborino affinché il bimbo possa superare la patologia, oppure convivere con la stessa, in un clima il più sereno possibile.
Il Relatore della serata ha inoltre trattato l’importanza basilare di tessere relazioni con altre strutture ospedaliere sinergiche, sia nel campo della pediatria che in quello del diabete, al fine di poter creare “ponti di comunicazione”, per instaurare un dialogo medico scientifico costante, mettendo in comune informazioni specifiche, conoscenze ed esperienze vissute.
Altrettanto significativo è stato il passaggo riferito alla classe medica, nella quale esiste una rilevante presenza di persone altamente preparate ed appassionate della loro professione, un enorme patrimonio che spesso non è conosciuto. Questo concetto è stato anche riportato nell’intervento del Prof. Serra (emerito pediatra cremasco e socio del LC Crema Host) che ha precisato la tanta buona volontà, passione ed umiltà del corpo medico sia del presente che del passato.
Altro tema di enorme importanza è stato quello delle patologie neonatali, che rappresentano un mondo a sé, con esigenze specifiche, anche se rientranti nella pediatria generale. Questo lascia ampio campo alle problematiche relative alla riorganizzazione delle risorse al fine di evitare dispersioni sia economiche che professionali.
Al termine della serata, il Dr. Canidio ha risposto ai numerosissimi interventi degli amici lions presenti all’intermeeting, i quali, attratti dal coinvolgimento ricevuto, hanno coralmente ringraziato il relatore per la professionalità e l’umanità esternata.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Intermeeting L.C. Crema Serenissima e L.C. Castelleone

Interessantissimo l’intermeeting fra il LC Crema Serenissima, presieduto da Elda Zucchi ed il LC Castelleone, presieduto da Paolo Doldi, che hanno sottolineato la valenza dell’unione, dell’amicizia e dell’armonia fra i club, resa possibile dalla condivisione di intenti sociali e culturali. In apertura, la presidente Zucchi ha consegnato una pin del Centenario al socio Massimo Sanella, per aver presentato due soci. Successivamente, si è svolta la cerimonia di investitura di un nuovo socio del LC Crema Serenissima, Vittorio Zitun, presentato dalla presidente: dopo il diploma conseguito presso l’Istituto “Galilei” di Crema, essendo molto appassionato di motori, ha trasformato questa sua inclinazione in attività lavorativa. Dopo il suo primo viaggio con la “Vespa”, in solitaria, a Capo Nord, è diventato responsabile tecnico nella realizzazione di motori performanti per “Vespa”, scooter e motocicli e team manager della scuderia “Pinasco”, che partecipa a livello internazionale alle gare di indurance, ottenendo ottimi risultati. Vittorio, sempre in “Vespa”, ha compiuto lunghi viaggi in America ed in Europa. Il clou della serata è coinciso con la relazione “ Le acque che attraversano la città di Crema ed il territorio di Castelleone- Sistema difensivo”, del prof. Vincenzo Cappelli, già Preside, Presidente della Pro Loco e dell’Unicrema. Partendo da un’analisi storico-morfologica della situazione palustre primordiale dei territori in esame, il prof. Cappelli ha descritto ed illustrato i più importanti fossati naturali che lambiscono o circondano la periferia di Crema, che hanno alimentato i sistemi difensivi ed hanno supportato le attività economiche della città. Fin dai tempi più antichi è stato necessario regolarizzare il flusso dell’acqua, perchè il terreno poteva diventare improduttivo e c’era il rischio anche di gravi malattie, come la peste. Ai Benedettini ed ai Cistercensi il merito di aver insegnato a bonificare le terre. Particolare attenzione è stata riservata anche all’illustrazione delle rogge interne, di cui sono state colte le principali funzioni, sono stati individuati gli antichi sedimi e la loro situazione attuale. Particolarmente interessante è stata riconosciuta la zona fra il Rino e la Fontana, in mano agli Umiliati, che hanno creato un’isola su cui collocare 51 mulini, corrispondente all’attuale via Castello e che divennero molto potenti e ricchi, a tal punto da dominare l’economia della città.
La serata, molto apprezzata, è stata condivisa dalla presenza del Past Governatore Adriana Cortinovis Sangiovanni, del Presidente di Zona Alberto Zambelli, degli Officers Distrettuali Magda Franzoni, Bernardo Vanelli, Arrigo Fusar Bassini, Massimo Sanella e Riccardo Murabito (in rappresentanza del Presidente del LC Crema Host), di Gianfranco Vailati (Presidente del LC Soncino) e di Walter Ruffoni (in rappresentanza della Presidente del LC Crema Gerundo).

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page