Lions Club Crema Serenissima

Lions Club Crema Serenissima

Anno Sociale 2018-2019


Fotografia

Intermeeting L.C. Crema Serenissima e L.C. Castelleone

Un ricordo di una tradizione molto sentita nel nostro territorio: la festa di S. Martino. I LLCC Crema Serenissima e Castelleone, presieduti rispettivamente da Elda Zucchi e Paolo Doldi, hanno rivissuto il calore di una ricorrenza che si lega al patrimonio di esperienza contadina e religiosa tipica della nostra zona. “Sanmartino” era sinonimo di trasmigrazione dei braccianti agricoli che, a conclusione del contratto agrario, proprio l’11 novembre, si trasferivano con la famiglia da una cascina ad un’ altra della nostra campagna, in vista della prossima stagione lavorativa. Questa data, come ha sottolineato Elda Zucchi, coincide con la sepoltura del santo, la cui agiografia è stata tracciata con l’ausilio di immagini pittoriche riguardanti i suoi viaggi ed il suo evergetismo nei confronti dei più poveri e deboli. L’aspetto più puramente tecnico del “sanmartino” è stato proposto dal relatore, il geom. Gianvittorio Gallini che, occupandosi di costruzioni agricole e problemi connessi, ha illustrato le modalità di trasferimento delle famiglie, i problemi incontrati nel lasciare la propria casa e nella presa di possesso di un’altra, con le relative difficoltà di ordine pratico, economico ed affettivo. La serata è stata caratterizzata anche da un momento di grande rivalutazione del patrimonio dialettale cremasco attraverso la recita, commossa e partecipata, di poesie da parte di Emi Peletti, Lina Casalini e Franco Maestri, presente, in qualità di Presidente del LC Crema Host, unitamente al Past Governatore Adriana Cortinovis Sangiovanni, al Presidente di Zona Alberto Zambelli, la Presidente del LC Pandino Gera D’Adda Viscontea Anna Fiorentini, Walter Ruffoni ed altri Officers Distrettuali.

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Spedizione occhiali usati

Spedizione occhiali usati con la collaborazione del Direttore delle Poste Italiane di Crema ,unitamente alla referente Elda Zucchi sono stati inviati 90 kg di occhiali usati al centro di Chivasso.
Si ringraziano i L.C. Crema Host, Crema Serenissima, Castelleone, Soncino, Cremona Duomo e Stradivari.
Un particolare ringraziamento al Presidente della Associazione Diabetici del Territorio Cremasco per la sinergica condivisone fattiva.

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

I Lions del Crema Host del Crema Serenissima e del Soncino sulla pediatria ospedaliera di secondo livello

Venerdi 19 Ottobre si è svolto, presso il Ristorante Nuovo Maosi, l’intermeeting dei Lions Clubs Crema Host, Crema Serenissima e Soncino dal tema “Il ruolo della Pediatria Ospedaliera di secondo livello, all’interno della Rete di assistenza delle malattie croniche, quali il Diabete e le Malattie Tumorali”>>>>>> I Clubs rappresentati dai numerosissimi soci intervenuti e dai relativi presidenti Franco Maestri, Elda Zucchi (sostituita da Massimo Sanella) e Gianfranco Vailati, hanno ospitato il relatore della serata : il Dr. Emilio Canidio – Primario del Reparto di Pediatria dell’Ospedale Maggiore di Crema, una persona carismatica e di grande talento.
Soffermandosi sull’opportunità del dialogo sinergico Diabete e Cancro Pediatrico, temi affrontati nella serata, come da linee guida internazionali.
Il Dr. Canidio ha introdotto l’argomento, definendo la Pediatria come la Medicina Generale del bambino curato nella sua interezza, non guardando solo all’aspetto del corpo, ma anche a quello psicologico e relazionale. Cercando di coadiuvare gli aspetti anche più delicati del rapporto bimbo/famiglia/struttura ospedaliera. Importante è fare in modo che i genitori collaborino affinché il bimbo possa superare la patologia, oppure convivere con la stessa, in un clima il più sereno possibile.
Il Relatore della serata ha inoltre trattato l’importanza basilare di tessere relazioni con altre strutture ospedaliere sinergiche, sia nel campo della pediatria che in quello del diabete, al fine di poter creare “ponti di comunicazione”, per instaurare un dialogo medico scientifico costante, mettendo in comune informazioni specifiche, conoscenze ed esperienze vissute.
Altrettanto significativo è stato il passaggo riferito alla classe medica, nella quale esiste una rilevante presenza di persone altamente preparate ed appassionate della loro professione, un enorme patrimonio che spesso non è conosciuto. Questo concetto è stato anche riportato nell’intervento del Prof. Serra (emerito pediatra cremasco e socio del LC Crema Host) che ha precisato la tanta buona volontà, passione ed umiltà del corpo medico sia del presente che del passato.
Altro tema di enorme importanza è stato quello delle patologie neonatali, che rappresentano un mondo a sé, con esigenze specifiche, anche se rientranti nella pediatria generale. Questo lascia ampio campo alle problematiche relative alla riorganizzazione delle risorse al fine di evitare dispersioni sia economiche che professionali.
Al termine della serata, il Dr. Canidio ha risposto ai numerosissimi interventi degli amici lions presenti all’intermeeting, i quali, attratti dal coinvolgimento ricevuto, hanno coralmente ringraziato il relatore per la professionalità e l’umanità esternata.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Intermeeting L.C. Crema Serenissima e L.C. Castelleone

Interessantissimo l’intermeeting fra il LC Crema Serenissima, presieduto da Elda Zucchi ed il LC Castelleone, presieduto da Paolo Doldi, che hanno sottolineato la valenza dell’unione, dell’amicizia e dell’armonia fra i club, resa possibile dalla condivisione di intenti sociali e culturali. In apertura, la presidente Zucchi ha consegnato una pin del Centenario al socio Massimo Sanella, per aver presentato due soci. Successivamente, si è svolta la cerimonia di investitura di un nuovo socio del LC Crema Serenissima, Vittorio Zitun, presentato dalla presidente: dopo il diploma conseguito presso l’Istituto “Galilei” di Crema, essendo molto appassionato di motori, ha trasformato questa sua inclinazione in attività lavorativa. Dopo il suo primo viaggio con la “Vespa”, in solitaria, a Capo Nord, è diventato responsabile tecnico nella realizzazione di motori performanti per “Vespa”, scooter e motocicli e team manager della scuderia “Pinasco”, che partecipa a livello internazionale alle gare di indurance, ottenendo ottimi risultati. Vittorio, sempre in “Vespa”, ha compiuto lunghi viaggi in America ed in Europa. Il clou della serata è coinciso con la relazione “ Le acque che attraversano la città di Crema ed il territorio di Castelleone- Sistema difensivo”, del prof. Vincenzo Cappelli, già Preside, Presidente della Pro Loco e dell’Unicrema. Partendo da un’analisi storico-morfologica della situazione palustre primordiale dei territori in esame, il prof. Cappelli ha descritto ed illustrato i più importanti fossati naturali che lambiscono o circondano la periferia di Crema, che hanno alimentato i sistemi difensivi ed hanno supportato le attività economiche della città. Fin dai tempi più antichi è stato necessario regolarizzare il flusso dell’acqua, perchè il terreno poteva diventare improduttivo e c’era il rischio anche di gravi malattie, come la peste. Ai Benedettini ed ai Cistercensi il merito di aver insegnato a bonificare le terre. Particolare attenzione è stata riservata anche all’illustrazione delle rogge interne, di cui sono state colte le principali funzioni, sono stati individuati gli antichi sedimi e la loro situazione attuale. Particolarmente interessante è stata riconosciuta la zona fra il Rino e la Fontana, in mano agli Umiliati, che hanno creato un’isola su cui collocare 51 mulini, corrispondente all’attuale via Castello e che divennero molto potenti e ricchi, a tal punto da dominare l’economia della città.
La serata, molto apprezzata, è stata condivisa dalla presenza del Past Governatore Adriana Cortinovis Sangiovanni, del Presidente di Zona Alberto Zambelli, degli Officers Distrettuali Magda Franzoni, Bernardo Vanelli, Arrigo Fusar Bassini, Massimo Sanella e Riccardo Murabito (in rappresentanza del Presidente del LC Crema Host), di Gianfranco Vailati (Presidente del LC Soncino) e di Walter Ruffoni (in rappresentanza della Presidente del LC Crema Gerundo).

Adriana Cortinovis Sangiovanni

Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page