Lions Club Cremona Host

Lions Club Cremona Host

Anno Sociale 2018-2019


Fotografia

Incontro sul diabete

Sabato 10 novembre in Cittanova, In occasione della Giornata Mondiale del diabete, i Lions Club del territorio cremonese L.C. Cremona Host, Cremona Stradivari, Cremona Duomo, Cremona Europea, Campus Nova, Torrazzo, Casalbuttano, Vescovato e Soresina, Distretto Lions 108IB3, Governatore Dr. Giovanni Fasani, hanno organizzato, insieme all'Associazione Diabetici Cremonesi, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona, della Provincia di Cremona, dell'Asst e Ats Valpadana Cremona, un Incontro "Il diabete nella quotidianità" per aumentare la consapevolezza dell’impatto che il diabete ha sulla famiglia. È stato un incontro molto partecipato da un’ampia platea di studenti ai quali era rivolto l’incontro. Studenti che hanno seguito con attenzione i relatori che si sono susseguiti, e hanno apprezzato molto l’intervento di tutti ma in particolare del Triathleta ing. Mangiarotti che ha dimostrato come, seppur con il diabete, è riuscito a fare tutto nella vita ma soprattutto ad emergere e vincere, non solo come uomo ma come atleta. Si ringraziano tutti i relatori, i violinisti e il soprano e quanti hanno reso possibile questo evento!

Mirella Marussich
Presidente di Zona B, III Circoscrizione, Distretto 108IB3.

Fotografia
Fotografia
Fotografia
Fotografia

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia
Nella foto: da sinistra Marussich, Di Mora, il presidente del Lions Cremona Host Ventura, Garofano e Chiarvetto

"La certezza della prova scientifica"

IMeeting all’insegna della suspense, quello organizzato dal presidente del Lions Cremona Host Marcello Ventura, che ha avuto come relatore il generale Luciano Garofano, ex comandante dei Ris di Parma. All’incontro hanno partecipato anche numerosi soci di altri Lions del territorio e il capitano Antonio Di Mora, presidente dell’Unuci, con diversi soci.
Il gen. Garofano ha saputo catturare immediatamente l’attenzione dei soci spiegando in un primo tempo quali sono le procedure delle indagini e quanto la scienza aiuti sempre più nella ricerca della verità.
“Il principio dello scambio”, ideato da Edmond Locard nel secolo scorso, ha spiegato Garofano, sta alla base di tutto. La scena del crimine “racconta” quello che è successo, deve solo essere “interpretata”. Uno degli aspetti che più ostacola e complica le indagini dei Ris è “l’inquinamento” delle prove, delle tracce, fatto da chi per primo arriva, dai soccorritori che con la loro presenza possono alterare e modificare l’ambiente. Oltre alle tracce fisiche, prime fra tutti quelle del Dna, e alla lettura e all’interpretazione delle macchie di sangue in base alla tipologia, alle dimensioni, alla direzione che ci danno la possibilità di capire le posizioni di vittima e assassino, oggi ci sono anche quelle informatiche legate alla telefonia, ai computer, alle riprese dalle telecamere, che aiutano, tramite appositi software, a ricostruire il crimine, a restringere il campo dei sospetti. La Tac utilizzata nella diagnostica medica oggi viene impiegata anche nelle autopsie. Il sapere scientifico si sta allontanando sempre di più da quello giuridico. Il fallimento del percorso giudiziario, a volte, transita attraverso l’incompetenza dei periti e dei giudici che non riescono a comprendere i dati che vengono forniti. Garofano ha poi raccontato dei casi efferati più conosciuti, da Cogne a Yara Gambirasio, e di quanto l’effetto mediatico possa purtroppo alterare la realtà dei fatti, di quanto le trasmissioni televisive possano influire sugli aspetti investigativi. Il comportamento di alcuni giornalisti, soprattutto delle testate on line senza direttori responsabili, che non rispettano il codice deontologico, ostacolano le indagini per l’assoluta mancanza di riservatezza. Numerose sono poi state le domande dei soci e degli ospiti presenti.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina


Fotografia

Festa del Volontariato

Il 23 Settembre si è svolta a Cremona la ventisettesima edizione della festa del volontariato, il tema recita: “volontariato bene comune: la solidarietà è partecipazione”. Proprio grazie allo stimolo dato da questo tema i Lions del territorio Cremonese hanno deciso di partecipare per la prima volta a questa importante iniziativa con l’obiettivo di far conoscere meglio ai cittadini cremonesi il Lions Club International, la più grande associazione internazionale di servizio e, grazie alla presenza di numerose altre associazioni, trovare punti di collaborazione. Numerosa la partecipazione dei Lions alla manifestazione tra cui il Presidente del LC Torrazzo Peppe Gramuglia, vero trascinatore dell’iniziativa insieme a Giuseppe Tizzoni del Lions Host, la Presidente di Zona Mirella Marussich, la Presidente del LC Cremona Duomo Mariella Morandi, il PDG Franco Marchesani, unico candidato del nostro distretto alla carica di direttore internazionale, e il Governatore Giovanni Fasani. L’evento, organizzato da CSV Lombardia sud – Cremona, Forum Terzo Settore e Comune di Cremona, ha visto la partecipazione di 132 stand di associazioni di volontariato e mobilitato circa 800 volontari. Le istituzione e le reti associative hanno così animato il cuore della città da Piazza Stradivari alla Piazza del Comune grazie al ricco programma della giornata che dalla mattina alla sera ha proposto animazioni, tavole rotonde, speakers corner, performance musicali, dimostrazioni, anteprime e street-food solidale. Durante la giornata il Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti si è soffermato al nostro stand manifestando il sostegno e la gratitudine per tutto quello che i Lions del territorio fanno per la città di Cremona.

Torna all'inizio della Pagina Torna all'inizio della pagina



Torna alla Home Page
Torna alla Home Page