Lions Clubs Logo
Distretto 108 Ib3 - Italy
We Serve


Lions Club Cremona Stradivari
Lions Club Cremona Stradivari

Visitate il sito del Club Visitate il sito del club



Notizie dal Club

Fotografia

Visita al quadro restaurato "La carità di Sant’Omobono"

Logo Lions Club I Soci del Lions Club Cremona Stradivari, Duomo ed Europea si sono incontrati in Palazzo Vescovile per una visita guidata al dipinto di Giulio Campi, “La carità di Sant’Omobono”, restaurato grazie al contributo dei tre club e della Onlus Distrettuale Lions “Associazione solidarietà”. La volontà di portare avanti il restauro era nata nell’annata lionistica precedente grazie ai tre past president Silvia Galli, Mirella Marussich e Giorgio Donno, che avevano inteso concretizzare un Service di tutela del patrimonio artistico della nostra comunità rendendo fruibile il dipinto anche alle generazioni future. Monsignor Achille Bonazzi, conservatore dell’erigendo Museo Diocesano nel quale il dipinto verrà collocato, ha illustrato i punti salienti dell’accurato restauro effettuato dallo Studio Blu di Castelgoffredo. Monsignor Bonazzi ha sottolineato le numerose ricerche effettuate per poter eseguire un restauro conservativo rispettoso delle caratteristiche originarie, che riportasse all’antico splendore colori e particolari del dipinto. La tela venne realizzata nel 1555 per il Consorzio di Sant’Omobono e dopo alcuni trasferimenti venne collocata nel 1746 nella chiesa di Ca’ de Soresini dove era rimasta fino al momento del restauro. I soci Lions presenti, appartenenti anche ad altri club della città, hanno avuto l’occasione di chiedere chiarimenti anche sui significati del dipinto, grazie anche alla presenza della storica dell’arte Mariella Morandi, socia del Lions Duomo.


Fotografia

Lo scrittore Andrea Cisi ospite dei L.C. Cremona Stradivari e Cremona Duomo

Logo Lions Club Andrea Cisi, noto scrittore cremonese, ha regalato ai soci del Lions Stradivari, presidente Patrizio Azzini, e del Lions Duomo, presidente Daniela Magni, una interessante serata fatta di intermezzi musicali e di letture tratte dal suo ultimo libro: La piena. L’autore è stato accompagnato dal lettore-attore Michele Lanzi e dal musicista Lorenzo Colace alla chitarra. Ha condotto l’intervista Silvia Galli, giornalista e socia del Lions Stradivari. Il libro La piena può essere considerato il seguito naturale del precedente lavoro di Cisi, Cronache dalla ditta. In questa sua nuova fatica i protagonisti sono cresciuti e sono costretti ad affrontare problemi diversi di un’altra età e di una società cambiata. Si tratta, ha sottolineato Cisi, di un romanzo autobiografico con ampi riferimenti alla comunità cremonese, specchio dell’ambiente di lavoro e della famiglia: persone normali, viste nella loro quotidianità, nei turni da operaio in fabbrica, nei rapporti padre-figlio. A più riprese nel libro vengono messe in evidenza la forza di volontà e la capacità di affrontare le contrarietà della vita. E allora La piena, come ha spiegato l’autore, per quanto non possa sfuggire il riferimento a quella ricorrente del Po, è in realtà un riferimento alle difficoltà che in certi momenti ci si presentano davanti e ci spingono a dimostrare se siamo in grado di superarle o se più semplicemente ci lasciamo trascinare via. Il libro di Cisi è stato per tutte le Socie ed i Soci presenti un invito alla riflessione. E’ stato un invito a prendere atto dei cambiamenti della società e della necessità di agire con nuovo vigore nel momento in cui ci apprestiamo a declinare quegli scopi, che ci chiedono di prestare attenzione al territorio e al bene della comunità.


Fotografia

Il Lions per “Dopo di noi insieme”

Logo Lions Club Serata nel segno della solidarietà quella organizzata da Patrizio Azzini, presidente del Lions Club Cremona Stradivari, presso il Golf Il Torrazzo. L’incontro ha visto la presenza di Libero Zini, presidente della fondazione cremonese “Dopo di noi insieme”. L’ingegner Zini ha voluto far partecipi i presenti, con parole che hanno suscitato grande emozione, del dramma delle famiglie che hanno al loro interno bambini e persone disabili. Ha quindi illustrato l’attività della Onlus con sede in via Cattaro, che si occupa della presa in carico di persone con disabilità, anche molto grave, giunte ormai all’età adulta. L’associazione, nata nel 2004 grazie all’impegno di 17 famiglie, si pone l’obiettivo di creare attorno a loro il clima di una vera casa-famiglia, evitando nello steso tempo il ricovero in Istituti, che seppure meritevoli, non sono in grado di creare il clima familiare. Numerosi volontari si alternano presso la casa-famiglia durante le ore diurne e notturne per assicurare ai disabili un ambiente di vita più accogliente e familiare possibile, predisponendole all’inevitabile distacco dei genitori e dei parenti più prossimi quando questi per le cause più varie non saranno più in grado di assisterli. L’auspicio dell’ingegner Zini è che queste case-famiglia, grazie all’aiuto della comunità, possano diventare sempre più numerose per dare risposte alle richieste che con sempre maggiore frequenza l’associazione riceve .


Fotografia

Auguri e ingresso nuovo socio

Logo Lions Club I Soci del Lions Club Cremona Stradivari, presidente Patrizio Azzini, si sono ritrovati con numerosi ospiti presso il “Golf il Torrazzo” per la tradizionale cena degli Auguri di Natale. La serata è stata l’occasione per il presidente di tracciare un breve bilancio di questi suoi primi sei mesi di presidenza e dei progetti futuri di Servizio rivolto soprattutto a chi nella nostra comunità e sul nostro territorio si trova in condizioni di disagio. Il Club non farà mancare però, ha detto Azzini, il proprio contributo ed il proprio sostegno alle numerose iniziative che i Lions italiani stanno portando avanti con tenacia e determinazione come indicato dal nostro Governatore Giovanni Bellinzoni. Le sfide di Servizio che ci aspettano, verso i giovani e la scuola, sui temi dell’ambiente, della vista e più in generale della salute, non andranno deluse. La serata ha assunto maggiore importanza grazie all’entrata nel Club di un nuovo socio, Claudio Cavalli, primario della divisione di Pediatria del nostro ospedale, che si è dichiarato onorato di diventare Lions e pronto a perseguire fattivamente gli scopi del lionismo.


Fotografia

Service sul diabete

Logo Lions Club In occasione della giornata mondiale del Service sul diabete, grazie all’attivissima presidente dell’Associazione Diabetici di Cremona, Lions Mirella Marussich, i Lions Club Cremona Stradivari, presidente Patrizio Azzini con Francesco Forzani, e Cremona Duomo, presidente Daniela Magni, hanno preso parte alla giornata dedicata allo screening glicemico per la diagnosi precoce della pericolosa patologia. Sappiamo come la prevenzione del diabete sia oggi uno degli obiettivi principali del programma quinquennale LCI Forward e come la malattia venga troppo spesso sottovalutata, tanto che molte delle persone affette da alterazioni delle glicemia non ne sono consapevoli. Nella giornata precedente a quella dello screening Mirella Marussich ha organizzato anche un interessante e partecipato convegno sul diabete, patrocinato dal Distretto Lions 108 Ib3, Governatore Giovanni Bellinzoni, a cui hanno partecipato il Direttore Generale delll’ASST Camillo Rossi ed alcuni specialisti delle malattie metaboliche. Grande successo hanno riscosso i due eventi musicali che hanno accompagnato le giornate: il concerto d’archi, che ha inaugurato il convegno con la partecipazione di quattro virtuosi appartenenti alla stessa famiglia cremonese Serventi, e lo spettacolo “Poesie e Canti della nostra terra”, con Milena Fantini, Michelangelo Gazzoni e il Gruppo di Canto Popolare di Cremona. Un grazie alla MJF Giandomenico Auricchio, presidente della Camera di Commercio, per aver concesso gli spazi per gli eventi.


Fotografia

Golf e solidarietà

Logo Lions Club Si è svolto presso il Golf Club Cremona Il Torrazzo, l’annuale torneo benefico organizzato dal Lions Club Cremona Stradivari, presidente Patrizio Azzini, e il Lions Club Campus Universitas Nova, presidente Maurizio Cozzoli. Al termine delle premiazioni della gara è seguita una partecipatissima conviviale con lotteria benefica condotta dall’attivissima vicepresidente dello Stradivari Gigliola Masseroni e dal past president del Campus Universitas Nova Giuseppe Gramuglia. Una serata all’insegna del Service nella consapevolezza che i Lions sono pronti a dare risposte concrete a chi ne ha bisogno. Un primo contributo è andato all’Associazione “Occhi azzurri” nata per favorire la ricerca nel campo di una delle sempre più frequenti malattie rare, dette anche ‘orfane’ in quanto spesso prive di risposte adeguate da parte della Sanità Pubblica. Scopo dell’Associazione ha detto Filippo, coordinatore della Onlus e papà di Orlando affetto da una rara affezione genetica, è quello di implementare le conoscenze e la ricerca sulle possibili cure per una patologia estremamente invalidante. Un secondo Service è andato alla LCIF. Il sostanzioso contributo è stato consegnato al referente distrettuale della Lions Club International Foundation, Davide Gatti. Presenti alla serata il Governatore Giovanni Bellinzoni, il Vicegovernatore Giovanni Fasani, i presidenti dei Lions Club Host, Marcello Ventura, Lions Duomo, Daniela Magni e Lions Casalbuttano, Giuseppe Bertoli e il referente distrettuale GMT Moreno Poggioli.


Fotografia

Visita del Governatore

Logo Lions Club Il Governatore del Distretto Lions 108 Ib3, Giovanni Bellinzoni, ha fatto visita ai Lions Club Cremona Duomo, presidente Daniela Magni, e Cremona Stradivari, presidente Patrizio Azzini. Per i due presidenti è stata l’occasione per illustrare al Governatore le iniziative e i Service che i due Club intendono portare a termine durante l’annata lionistica. I Service saranno indirizzati soprattutto a dare risposte convincenti alle esigenze del territorio con particolare riferimento ai temi individuati dal Lions International come la prevenzione del diabete, la tutela della vista, la salvaguardia dell’ambiente e un aiuto a chi si trova in stato di indigenza, nel rispetto della dignità della persona. Il Governatore si è detto certo che gli scopi verranno perseguiti e gli obiettivi raggiunti grazie alla volontà di fare e di agire: ‘action’, ha detto Giovanni Bellinzoni, azione tra la gente e per la gente raggiungendo un numero sempre maggiore di persone in difficoltà. Questa è la grande sfida che il Lions International ci propone per gli anni a venire e che sicuramente verrà portata avanti con tenacia come ormai i Lions hanno dimostrato di saper fare dal 1917: cento anni di vita al servizio del prossimo.

Gianni Fasani


Fotografia

Serata Inaugurale

Logo Lions Club Presso il Circolo del Golf ‘Il Torrazzo’ di Cremona si è tenuta la serata inaugurale dell’anno 2017-18 del Lions Club Cremona Stradivari. Il meeting è stata l’occasione per il Presidente Patrizio Azzini per ricordare gli scopi del Lions Club International, che da cento anni opera in tutto il mondo per portare un aiuto concreto a coloro che vivono nel disagio: basti pensare ai grandi Service dei Lions a favore dei non vedenti, per la lotta al morbillo con l’aiuto della Fondazione Bill Gates, o per la lotta alla fame soprattutto a favore dell’infanzia nei paesi più poveri del continente africano. Ma una grande attenzione, ha detto Azzini, la vogliamo riservare soprattutto al nostro territorio portando solidarietà a chi si trova in situazione di bisogno e offrendo sussidiarietà alle istituzioni e alle associazioni di volontariato che nel nostro territorio operano. La serata ha assunto particolare significato per l’ingresso di un nuovo socio Vittorio Principe, titolare di agenzia di assicurazione e attualmente Presidente di Confcommercio Cremona. Con Vittorio sono già quattro i nuovi soci entrati nell’anno del Centenario e questo conferma che il club ha saputo adeguarsi al cambiamento e fornire attraverso le attività e le azioni di servizio una proposta e un’immagine interessante.



Tornate alla Home Page
Tornate all'Home Page